cultura

letteratura ed altro

Andrew Price

Andrew Price - australiano, blender pro e CEO di blenderguru e poliigon - in questo interessante talk della Blender Conference nel 2016, svela alcuni dei consigli cruciali per aumentare la qualità in ambito creativo, migliorare le proprie capacità e cercare di ottenere risultati professionali. Chiunque abbia intrapreso questo cammino si renderà conto immediatamente che Andrew va subito al punto e inquadra la questione in modo efficace, pragmatico e chiaro.

1) Impegnati quotidianamente
2) Quantità, non perfezione
3) Ruba (da molti)
4) Impara con consapevolezza
5) Riposa
6) Cerca riscontro
7) Fai ciò che ami

twitter


MakeBlock

makeblock
Jianjun "Jasen" Wang non ha avuto accesso alla tecnologia da bambino. Era un "normalissimo figlio povero", dice: "I miei genitori non avevano i soldi per farmi imparare qualcosa come [la robotica]". Ora, a 33 anni, è il fondatore e CEO di Makeblock, con sede a Shenzhen. Indossa jeans, occhiali e una maglietta aziendale che recita "Instruct your Dreams".

Due decenni dopo, i robot di Wang si stanno arrivando nelle mani dei bambini di tutto il mondo, e hanno fatto della sua startup uno dei pionieri di una nuova tendenza nella tecnologia educativa "STEM". Lanciata nel 2012, Makeblock produce kit di robotica fai-da-te per bambini che combinano componenti meccanici, elettronici e software, pensando a pezzi simili a LEGO che possono essere assemblati in bot e controllati con poche righe di codice.

L'idea è nata quando Wang era al college, studiando aerodinamica e armeggiando per hobby con la robotica. Notò un mercato in gran parte non indirizzato: quelli interessati ai robot ma con una comprensione limitata della tecnologia. "Tutti i prodotti che abbiamo sviluppato sono per aiutare le persone a creare qualcosa nel mondo fisico".

amazon
instagram
facebook
twitter
youtube

[via]

John Walsh - Super Eyepatch Wolf

John Walsh racconta di anime, cartoon, videogame e altri media in modo arguto, e ben documentato, raccogliendo dati e lasciando perdere per quanto possibile le opinioni soggettive.

Qui sopra ci spiega esattamente le ragioni della caduta dei Simpson, la serie tv più innovativa di qualche decennio fa, e nel fare questo ci rende partecipi del significato di gusto, di saper scegliere, comprendere e apprezzare davvero quello che si guarda, per evitare di ingozzarsi di qualsiasi cosa venga scelta da un algoritmo e farlo diventare come un passatempo qualsiasi.

instagram
twitter
patreon
youtube

[via]

Less Wrong

Less Wrong


LessWrong è un sito/blog sulla (sempre più rara arte della) razionalità. Parla dei Bias, di filosofia, psicologia, economia e intelligenza artificiale.

Il Codex, ad esempio, raccoglie discussioni su come funziona un buon ragionamento, su come imparare della scienza e sui diversi modi in cui la società è stata e potrebbe essere progettata. Contiene anche alcuni brevi intermezzi contenenti racconti di fantasia e storie di vita reale.

Uno dei suggerimenti è quello di usare il teorema di Bayes come strumento per aiutare nel prendere decisioni.

Harry Potter e i metodi della Ragione
The Library


categorie: 

Wa - La via giapponese all'armonia

Wa - La via giapponese all'armonia
Nell'antico nome del Giappone "Yamato" il kanji 大 significa "grande" and 和 ("wa") significa "armonia".

In "Wa - La via giapponese all'armonia" la scrittrice Laura Imai Messina, che insegna lingua italiana all'università a Tokyo ed è ricercatrice di letterature comparate, prende spunto dalle 72 brevi stagioni e associa a ciascuna di esse una parola molto importante, oltre ad altre collegate, che ci illuminano sulla cultura e il modo di vivere del paese del Sol Levante, soprattutto in relazione al modo occidentale di vedere le cose.

La copertina molto light rischia di nascondere un libro imperdibile, prezioso e consigliatissimo per chi è interessato davvero alla cultura giapponese, che offre uno o più spunti di profonda riflessione ad ogni pagina.

Giappone Mon Amour - il Blog
facebook
instagram

twitter
sito ufficiale


categorie: 

Guy Debord

Guy Debord

Tutto quello che veniva vissuto in prima persona ora è diventato mera rappresentazione.

Questa frase, che sembra lo slogan del terzo millennio, risale al 1967 ed è di Guy Debord (1931-1994) un filosofo, sociologo, scrittore e cineasta francese, che è stato tra i fondatori dell'Internazionale Situazionista, un movimento della seconda metà del XX secolo che si interrogava sugli effetti del capitalismo.

Si sviluppa sull'osservazione della teoria dell'alienazione (allontanarsi da sé stessi per essere inghiottiti dall'identità dello strato sociale cui si appartiene) e il feticismo commerciale (quando le relazioni economiche contano di più di quelle umane).

Nel suo saggio più celebre: "La società dello Spettacolo" espone 221 tesi numerate e descrive la "separazione delle immagini dalla vita".

"Tutta la vita delle società nelle quali predominano le condizioni moderne di produzione si presenta come un'immensa accumulazione di spettacoli". Le immagini del mondo dettate dalle necessità della produzione capitalistica si sono staccate dalla vita, al punto che lo spettacolo è considerato come "l'inversione della vita".
E la definizione di "spettacolo" è la seguente: "Lo spettacolo non è un insieme di immagini, ma un rapporto sociale fra individui, mediato dalle immagini", una "visione del mondo che si è oggettivata".

Debord insomma afferma che l'effetto di questa "falsa realtà" definita "spettacolo" viene attenuato dai media e dalla pubblicità, e quindi non riusciamo a cogliere il vero impatto che ha sulle nostre vite. Per riuscire a sfuggire da questa attitudine passiva e cogliere una reale realizzazione come individui occorre vivere l'attimo, partecipare in prima persona alle "situazioni" evitando il più possibile il ruolo di "spettatori".

Sembra decisamente un passepartout per capire qualcosa di più sugli effetti dei media attuali. Come al solito 50 anni in anticipo sui tempi.

[via]

categorie: 

Algebra Lineare per Deep learning

deep learning linear algebra
I concetti di Algebra Lineare sono cruciali per comprendere la teoria alla base del Machine Learning, specialmente per il Deep Learning. Danno su'idea su come gli algoritmi funzionano davvero, il che permette di prendere decisioni migliori. Quindi, se si vuole davvero essere un capire questo nuovo, importante campo, non si può sfuggire alla padronanza di alcuni dei suoi concetti.

Basic Linear Algebra for Deep Learning
Computational Linear Algebra for Coders
Essence of linear algebra (13 video serie on youtube)

[via]

categorie: 

L'arte di stare seduti

sitting


Da quando i designer hanno preso in mano il progetto delle sedie, il loro aspetto è diventato una esigenza prevalente e si è un po' perso di vista il reale utilizzo. La cosa può diventare un vero problema per la schiena di molte persone che passano innumerevoli ore sedute, magari davanti ad un computer. Le sedie moderne tendono ad essere troppo profonde e troppo basse.

E' un problema di postura. La maniera di sedersi che viene naturale, infatti, nuoce alle vertebre. Si tende ad affossarsi e a sovraccaricare la parte bassa in una forma a C, che a lungo andare può essere molto dolorosa. Sarebbe meglio, inoltre, avere un angolo delle ginocchia superiore a 90°.

L'arte di stare seduti.


categorie: 

Joseph Everett - What I Learned

Collegare i punti, trarre conclusioni confrontarsi coi dogmi odierni: Joseph Everett vive a Tokyo e realizza video molto interessanti che si concentrano sull'inevitabile nanoesistenzialismo quotidiano del terzo millennio e, curiosamente, su salute e alimentazione, dato che ci sono molte informazioni contrastanti in questi campi;

Imparare significa migliorare sé stessi e contribuire al miglioramento generale. Un canale ambizioso che mira a innescare una scintilla nella vita dei suoi spettatori.

What I Learned

life for busy people
twitter
patreon


categorie: 

Cohl Furey e gli Octonions

Cohl Furey  Octonions Quanta Magazine
Natalie Wolchover di Quanta Magazine pubblica una intervista alla giovane fisica canadese Cohl Furey, ed entrambe, sia la fisica (con quel nome che suona esattamente come "Cool Fury") che l'intervista, sembrano uscite da un videogame della Square Enix.

Si parla di una misteriosa relazione tra la fisica fondamentale e i numeri. Siamo abituati ai numeri Reali, introducendo l'unità immaginaria i si ottengono i numeri Complessi, rappresentabili su una superficie. Usando i, j e k si ottengono i Quaternioni (Quaternion), numeri quadridimensionali, ed infine usando i sette simboli e1, e2... e7 si ottengono gli Ottetti (Octonion). Le regole di moltiplicazione tra questi vettori seguono il Piano di Fano.

I numeri reali sono dappertutto in fisica, quelli complessi sono stati di aiuto per formulare la teoria quantistica, i quaternioni si ritrovano nella teoria della relatività, ma gli ottetti, che non godono della proprietà associativa e commutativa, sono "difficili da digerire" e non sono stati usati per molto tempo. Queste caratteristiche però sembrano utili per descrivere con la necessaria accuratezza le dinamiche delle particelle fondamentali sottoposte a interazioni nucleari forti e elettrodeboli. Quindi l'algebra a 8 dimensioni sembra quella destinata a descrivere l'universo.

Cohl Furey - Division algebras and physics course

[again via]

categorie: 

The Art of Game Design: A Book of Lenses

A Book of Lenses
Jesse Schell è l'autore di The Art of Game Design: A Book of Lenses, che dimostra come chiunque possa padroneggiare i fondamenti del game design.

Il libro mostra che gli stessi principi di base della psicologia che funzionano per giochi da tavolo, giochi di carte e giochi sportivi, sono anche le chiavi per realizzare videogiochi di alta qualità.

Per progettare un buon gioco bisogna osservare il gioco da molte prospettive diverse, o "lenti". ne sono state individuate più di cento, che diventano una serie di domande perspicaci da porsi che aiutano a migliorare la propria creazione. Le lenti sono raccolte sotto campi diversi come psicologia, architettura, musica, visual design, cinema, ingegneria del software, progettazione di parchi a tema, matematica, scrittura, puzzle design e antropologia.

recensione
recensione #2


categorie: 

Silicon Arcadia di Riccardo Vessa

Silicon Arcadia di Riccardo Vessa
Riccardo Vessa "È laureato in comunicazione, una specialistica in filosofia, si occupa di coaching e crescita personale ed è appassionato di filosofia morale, bioetica ed estetica. Ha aperto il canale YouTube due anni fa e con ogni video, in cui semplicemente propone lunghi monologhi davanti alla webcam, raggiunge in media 10.000 visualizzazioni. Ma i numeri sono anche più alti quando tratta argomenti di particolare tendenza. Nei suoi video parla un po’ di tutto: dalla politica ai fenomeni del web, dalle ultime uscite della Nintendo al referendum in Catalogna".

Il suo Silicon Arcadia è un saggio sulla storia dei videogame.

telegram
WesaPlay
instagram
facebook
intervista

[via]

categorie: 

Pages