gatti

gatti, tigri e felini in generale

Gatti Ancestrali

Chet Phillips è un illustratore da quasi trent'anni, con un curriculum vitae lunghissimo, che ha radicalmente cambiato il suo modo di lavorare nel 1992, quando ha comprato il suo primo Apple Mac e ha poi iniziato ad usare Painter.

Lo stile deciso e graffiante si sposa con delle immagini tipiche di un manuale di informatica, asettiche e moderne. Ama molto illustrare felini ed arricchire i soggetti con frasi ad effetto.

Gods by Chet Phillips[via ]

categorie: 

Gatti Artistici

Chi non ha un felino disponibile per qualche coccola può sollevarsi il morale con un giretto su deviantart

Una semplice ricerca rivela più di 250.000 risultati, tra i quali c'è solo l'imbarazzo della scelta. Da enigmatici ritratti di vip felini a elaborate pose da navigate star, da brevi cortometraggi di animazione a illustrazioni fiabesche e surreali

Buon gatto a tutti.

"catography" &copy scab-lab@deviantart

categorie: 

Come si configura un micio

Il gatto - Manuale di istruzioni è proprio quello che dice il titolo. Una guida pratica per l'utente, risoluzione dei problemi e consigli utili per la corretta installazione e manutenzione.

Può sembrare irrispettoso trattare un felino, che ai tempi di Cleopatra era considerato una divinità, come un comune televisore, ma gli autori (David Brunner e Sam Stall) hanno azzeccato in pieno il tono, fondendo una considerevole dose di ironia con una serie infinita di nozioni utili sul serio !

E senza perdersi in inutili chiacchiere riescono perfino a raccontare i veri motivi per i quali ad esempio il micio di casa apprezzi molto di più la scatola di tonno che giace tra l'immondizia di una torta alla crema sul tavolo (l'olfatto è molto sviluppato, il gusto no).

Gatto - Manuale di Istruzioni &copy Kowalski[via Mauro]

categorie: 

Miss Micia 2005

Fuwari ("morbida e soffice") è una micina giapponese e il suo fotografo personale è particolarmente abile a coglierne i momenti più buffi:

fraternizza con un verde doraemon
sveglia improvvisa
grattatina
perplessa
rettangolare (!)

La gatta più espressiva vista ultimamente !

Altri capolavori felini su flickr

Fuwari by Junku[via ]

categorie: 

Gatti Giocherelloni

Cosa si potrebbe chiedere di più di una striscia disegnata divinamente, spiritosa, che parla di giochi con protagonisti dei gatti ?

Esiste ! E' VG Cats di Scott Ramsoomair.

VGCats per essere compresa al meglio necessita di un certo "background videoludico" (come scriverebbe la rivista Videogiochi). I disegni dei gatti e soprattutto le loro espressioni sono imperdibili e fanno perdonare qualche eccesso triviale che capita di quando in quando.

VGCats by Scott Ramsoomair

categorie: 

Chris Miles

Chris Miles è un artista americano che dipinge per riviste, copertine di libri e illustrazioni per l'infanzia. Trae la sua vena ispiratrice dalla lettura, dai dipinti e dalla natura.

Il suo stile è un curioso mix tra la pittura pre impressionista e moderna, tra Raffaello e Dore, a forza di gatti e orsacchiotti, maiali volanti (di giorno e di notte).

C'è anche una pagina dedicata alla sua tecnica.

volpe © 2005 Chris Miles [via ]

categorie: 

Uli Meyer

Gli Uli Meyer studios di Londra sfornano da 15 anni immagini, cortometraggi, spot (ad es. le zanzare del Raid), cartoon, computer grafica 3D, animazioni in flash, combinando le più moderne tecnologie a disposizione con il puro talento artistico.

Molti i film d'animazione cui lo studio ha collaborato: da "Chi ha incastrato Roger Rabbit" a "Space Jam", da "Anastasia" a "Lost in Space".

La vera novità è il blog di Uli Meyer, uno strepitoso caravanserraglio di disegni, schizzi di fine giornata, prove in vettoriale, aneddoti di produzione e curiosità varie. Un punto di vista dall'interno del mondo della fantasia.

gatto © 2005 Uli Meyer studios [via ]

categorie: 

Non vorrai mica bollirmi !?

Flickr, dopo aver superato la boa del milione di utenti estende le sue funzionalità con un nuovo criterio: il "livello di interesse", grazie ad un complicato calcolo basato sul numero di viste, i commenti lasciati, gli inserimenti tra i favoriti ecc.

Un ottimo modo per esplorare sempre e con facilità bellissime foto.

Per la serie "Gatti in strani posti"
&copy Flickr [via ]

categorie: 

Roba sul mio gatto

Stuff on my cat mostra foto di gatti un po' particolari. I felini sono impietosamente ricoperti di post it, vengono ripresi con le orecchie da coniglio, fanno da portaoggetti pelosi.

Dissacrante e molto originale, probabilmente il caso più eclatante di scusa per fare sfoggio di foto di gatti.

Nella foto a lato dei maialini ricoperti da un manto tigrato riposano tranquilli su una tigre vera.

tiger © stuff on my cat [via ]

categorie: 

Pitou

Shiromi è una specie di blog molto interessante, tra l'altro uno dei motivi per i quali masayume gira su blosxom. E' scritto da un giapponese in francese, e contiene delle foto molto belle di panorami dell'arcipelago del sol levante e di viaggi in giro per il mondo.

Una delle gallery più carine però è quella della gattina di casa Shiromi: Pitou (qui ritratta mentre gioca a fare Godzilla con i pupazzetti).

Pitou @ Shiromi

categorie: 

mofaha.com

mofaha.com presenta una galleria di magie in photoshop. Le tecniche usate dall'autore sono varie, e il sito è pervaso da diversi elementi ricorrenti come canarini, scimmie e soprattutto gatti.

La serie di "card" sui cuccioli fa il verso a quella del wrestling ma con parametri come sofficità o docilità.

E non manca nemmeno la frase tipica: "Sono salito sulla tenda !"

© uniform by mofaha

categorie: 

kitten war

Per la serie "scuse per fare sfoggio di gatti": kittenwar.

Ad ogni caricamento bisogna decidere qual'è il gatto più carino tra due e una volta espressa la propria preferenza si vede come sono andati i precedenti confronti. E ci sono delle fotografie che pompano serotonina a litri direttamente dove serve, per un buonumore assicurato.

© photo by kittenwar

categorie: 

Il gatto invitante

Il "Maneki Neko" o "gatto che invita" è il portafortuna più famoso del Giappone. La tradizione di questo micio con la zampina alzata a metà tra l'invito e il saluto risale al periodo Edo, tra il XVII e il XIX secolo. Inizialmente l'augurio era di migliore fortuna ("kaiun"), ma dagli anni '40 stringe nell'altra zampina un koban, una moneta d'oro, a testimoniare la voglia di "senmanryo" (dieci milioni di monete).

Ora è possibile costruirsene uno a casa grazie a Canon, ma sul sito ci sono altri gatti tradizionali portafortuna e tante altre belle cose da ripiegare con la carta.

categorie: