Larry Elmore

Larry Elmore è un famosissimo illustratore americano. Ha lavorato con Easley alla storica prima edizione del 1977 di "Dungeons and Dragons" e i suoi disegni e le copertine hanno contribuito ad ispirare generazioni di giocatori da tavolo. Qui a lato è riportata una delle più riuscite rappresentazioni di un personaggio, la sacerdotessa.

Elmore è il Dorè del gioco di ruolo. E' passato molto tempo dall'uscita di quei due libri rossi, che spiegavano le regole per uno strano gioco che non aveva una fine ne dei vincitori. Sembrava inspiegabile come riuscire a fare una partita senza delle regole alla "monopoli".

Ma è semplice, basta avere un buon master, ovvero una persona che le regole, quelle vere, le conosce e le improvvisa quando necessario, dotato di fantasia e possibilmente non un carattere perfido, e un pizzico di doti recitative. Ed è fatta. Infinite avventure ci attendono.

pinterest
wikipedia
twitter
facebook
sito originale
google images


categorie: 

Ray Caesar

Il gusto prettamente "British" di questo strano artista di oltremanica si manifesta sia nelle sue creazioni che nella sua spassosa autobiografia.

Ama lavorare con il digitale per ricreare atmosfere vittoriane, un po' di sapore "steam-punk". I suoi lavori colpiscono per l'artificiosa umanità che ne è ritratta, personaggi con l'aria di avere assimilato archibugi tecnologici con l'indifferenza di un albero al passare delle stagioni.

La deformità caricaturale delle teste richiama le illustrazioni satiriche e le caricature di un tempo, aggiungendo un indispensabile tocco di ironia, che da vita all'insieme.

categorie: 

Ong-Bak

Nel sorprendente film di arti marziali thailandese di Prachya Pinkaew figura un ex-stuntman cui è stato assegnato per la prima volta il ruolo di protagonista. Tony Jaa (Phanom Yeerum) meraviglia il pubblico con movimenti e combattimenti che sono riusciti a far battere al film svariati record di incasso, superando in certi casi anche i quotati "Hero" di Zhang Yimou e "La tigre e il dragone" di Ang Lee.

L'atletico Tony pare abbia imparato il "muay thai" - la devastante arte marziale thailandese - in 2 o 3 mesi, ma sullo schermo sembra che combatta da una vita, ed è riuscito a scomodare addirittura paragoni con la figura leggendaria di Bruce Lee.

In realtà è esperto di scherma,

Tae Kwon Do, atletica e suo padre è uno stuntman e lo ha introdotto nel mondo del cinema. In Ong-Bak non ci sono cavi e tutto ciò che si vede nel film è stato realizzato dal vero.

Botte da orbi !



categorie: 

CSS Zen Garden

Un sito, anzi, molti siti ed un solo contenuto.

Lo Zen garden è nato per mostrare la potenza e la versatilità dei CSS, così la stessa pagina html cambia completamente in funzione del foglio di stile che viene caricato. Ce ne sono già più di 100 molto diversi e curati. Ed il tutto costituisce anche un ottimo esempio di catalogo di template.

categorie: 

e come Google

E' l'anno di Google*. Il team di lavoro capitanato da Sergei Brin e Larry Page sta per conoscere una enorme capitalizzazione borsistica che lo porterà ad essere la terza più importante e-company dopo Ebay e Yahoo.

Il team di Google aumenta di giorno in giorno e in America un criptico annuncio ha fatto la sua comparsa su una autostrada. "{ First 10 digit prime in consecutive digits of e }.com". Google sembra avere un debole per la teoria dei numeri. E l'enigma creato dai responsabili del personale è tutto incentrato sul numero di Eulero

.

* 1 google = 10 ^ 100 (è il nome del numero 1 seguito da 100 zeri).

categorie: 

Non rompere !

Bugmenot, che significa appunto "non rompere", permette di registrarsi con dei login pubblici presso i siti che vorrebbero tenere una anagrafica dei loro utenti offrendo i loro servizi gratuitamente.

Ad esempio per leggere l'edizione online del New York Times occorrerebbe essere utenti registrati. Ma basterà fare un salto sul google delle identità virtuali per accedere ad uno dei quasi 20.000 servizi resi trasparenti.

"Carneade chi era costui..."

categorie: 

Ghost in the Shell: INNOCENCE

Il nuovo film basato sul manga/anime di Masamune Shirow uscirà il 17 settembre negli USA, dopo il debutto mondiale giapponese lo scorso aprile. Il maggiore Motoko Kusanagi farà solo una breve comparsa come un "frammento della sua personalità". Il che è un peccato.

Oshii riprende i temi che avevano fatto notare il primo film alla mostra del cinema di Berlino e confeziona un'interessante riflessione sulle ragioni che ci spingono (e ossessionano alcuni ingegneri giapponesi) a costruire simulacri di noi stessi, completamente differenti in ogni minimo dettaglio interno, perfettamente - iperrealisticamente - identici all'esterno.

La trama scorre parallela a "I, robot" di Proyas, ispirato liberamente ai romanzi sui robot di Asimov. Un "gynoid", un androide che ricostruisce perfettamente le fattezze di una prostituta, comincia a massacrare i clienti, dando il via ad una specie di rivolta. Batou, il fido assistente del maggiore Kusanagi, deve districare il bandolo della matassa. Suona tutto molto Blade Runneriano, con i prodromi di Matrix. Ma la contaminazione uomo-macchina si spinge ben oltre. Il "sogno dell'unicorno" e l'origami finale rivelavano chiaramente che Deckard era un replicante nel director's cut. Batou è già un cyborg come Motoko e la "gynoid" è una bambola meccanica in tutto e per tutto come lo era il "puppet master". E i giapponesi ritengono che le bambole abbiano un anima. Lo "spirito nel guscio" è sempre lì al centro dell'attenzione.

Oshii sa vedere molto lontano e, dopo 9 anni dal precedente, il film era in concorso al festival di Cannes di quest'anno.

"Innocence"

categorie: 

Antistress Virtuale

Far schioppettare la carta da imballaggio a bollicine è uno dei passatempi più rilassanti e anti-stess noti nell'era moderna. Ora, senza più spendere, direttamente a casa vostra, la carta da imballaggio virtuale vi permetterà di sfogare le vostre nevrosi gratis. Aumentando il volume lo schioppettìo vi darà maggiore soddisfazione e in caso di tragedie personali il "manic mode" (modo manico) vi permetterà far crepitare la carta al solo passaggio del mouse, così che i vicini pensino che stiate guardando Rambo a tutto volume per l'ennesima volta.

Pop !

categorie: 

Il sito delle idee

http://www.halfbakery.com/ è un sito dove è possibile esprimere una idea, scegliendo fra varie categorie, e vederla giudicata positivamente o negativamente.

Sono presenti genialate galattiche del calibro seguente: Cultura - rendere la parola "dislessia" ("dyslexia") più semplice, Cura del corpo - abbronzarsi a strisce come una tigre per mezzo di una apposita tuta, Casa - il frigo sottovuoto e con coda FIFO.

Votate gente, votate

categorie: 

The Illusion Gallery

Vi si possono trovare le riproduzioni in buone dimensioni di numerosissimi quadri famosi, come l'"Estate" di Alphonse Mucha, raggruppate per autori o per temi. Vale la pena di dare un'occhiata, si potrebbe scoprire qualche bel dipinto che non si conosceva o un autore particolarmente portato a riprodurre soggetti affascinanti.

Da non perdere anche http://www.artcyclopedia.com/mostpopular.html, che contiene una classifica degli artisti più famosi, che permette ai neofiti di colmare le principali lacune, ed ai cultori di ricordare una opera in particolare.

Buon divertimento!

categorie: 

Identificatore di Font

Uno strumento che, tramite una serie di domande sulle caratteristiche di alcuni caratteri significativi, permette di identificare il font utilizzato. Può essere molto utile perchè è sempre difficoltoso capire "ad occhio" di quale font si tratta senza essere tipografi.

UPDATE: si aggiungono anche questi "nuovi" servizi:
WhatTheFont
whatfontis

categorie: