Evanescence - Bring me to life

Little Rock, Arkansas (USA) era nota al mondo per essere la cittadina dalla quale Bill Clinton partì per ascendere alla presidenza degli stati uniti (minuscolo, tiè ). Ed è nello stesso luogo che la band degli Evanescence (ev'e-nes'ens: a dissipation or disappearance like vapor) si riunisce intorno al nucleo fondamentale composto dalla cantante Amy Lee e dal chitarrista Ben Moody. Influenzati musicalmente tra gli altri da Denny Elfman (Batman), Tori Amos e Bjork, il sound degli Evanescence è tutt'altro che etereo. A far da contrasto ad un potente tessuto sonoro rock puro la voce angelica di

Amy Lee sembra cantare perennemente su una scogliera durante una tempesta.

Dark Rock - fortemente consigliato l'ascolto durante la lettura di Neil Gaiman.

How can you see into my eyes like open doors
leading you down into my core
where I’ve become so numb without a soul my spirit sleeping somewhere cold
until you find it there and lead it back home

(Wake me up)
Wake me up inside
(I can’t wake up)
Wake me up inside
(Save me)
call my name and save me from the dark
(Wake me up)
bid my blood to run
(I can’t wake up)
before I come undone
(Save me)
save me from the nothing I’ve become

now that I know what I’m without
you can't just leave me
breathe into me and make me real
bring me to life

(Wake me up)
Wake me up inside
(I can’t wake up)
Wake me up inside
(Save me)
call my name and save me from the dark
(Wake me up)
bid my blood to run
(I can’t wake up)
before I come undone
(Save me)
save me from the nothing I’ve become

frozen inside without your touch without your love darling only you are the life among the dead

all this time I can't believe I couldn't see
kept in the dark but you were there in front of me
I’ve been sleeping a thousand years it seems
got to open my eyes to everything
without a thought without a voice without a soul
don't let me die here
there must be something more
bring me to life

(Wake me up)
Wake me up inside
(I can’t wake up)
Wake me up inside
(Save me)
call my name and save me from the dark
(Wake me up)
bid my blood to run
(I can’t wake up)
before I come undone
(Save me)
save me from the nothing I’ve become

(Bring me to life)
I’ve been living a lie, there’s nothing inside
(Bring me to life)

categorie: 

I Tarocchi di Hello Kitty

Beh... una idea interessante, anche se sentirsi definire il proprio destino dalla gattina più famosa del Giappone può far sollevare il sopracciglio. Chissà se i nipponici sono a conoscenza della forte scaramanzia che circonda gli Arcani Maggiori. Di certo anche noi giocherelliamo con superficialità con i loro miti per come vengono dipinti in Uruseiyatsura (ok, Lamù ).

http://www.aeclectic.net/tarot/hello/

categorie: 

Cappello da papero per gatti

"This is a dear chicken transformation set. It is made from the two-tone felt cloth of yellow and orange, and even if it takes, it is finished to the pop impression. Please observe the feather of the chicken currently attached to the both sides of a hat. please imagine a profile when a cat covers it is as dear as it blows off involuntarily — since it can equip with the head volume to which the reed of a chicken also attached hat on a piece of Velcro, attachment and detachment are easy."

Come amante dei gatti non posso non segnalare anch'io questa trovata giapponese troppo buffa. (ulteriori risate garantite con la traduzione automatica dal giapponese all'inglese).

per chi ne vuole ancora: marinaretto, sciarpina, cravatta, colletto, pecora nera, rana.

categorie: 

Matrix Reloaded

Matrix: Reloaded. Film più atteso del 2003 dopo il terzo episodio del Signore degli anelli. Al cinema c'è la ressa delle grandi occasioni. E' il primo giorno di proiezione. L'attesa è durata 4 anni. Nel 1999 il primo film della trilogia esce sottovoce e senza troppa pubblicità. Gliela faranno le persone uscite dal cinema consapevoli di aver assistito ad uno spettacolo unico. Critica o non critica, signori, i fratelli Wachowski sono padroni del mezzo. Hanno le idee chiare e sanno cosa chiedere agli attori. Per chi ha letto "il neuromante" Molly si materializza finalmente su di uno schermo, fin da subito, nei panni di una Carrie Ann Moss letale e capace di cose da lasciare a bocca aperta. E si capisce che finalmente il cyberpunk è una realtà anche cinematografica. La struttura è quella, ci sono hacker (operatori) e cowboy capaci di incredibili coreografie nell'eseguire un kung fu impossibile, correndo sui muri e affondando colpi a velocità che possiamo percepire grazie all'oramai inflazionato, ma non da loro stessi, "bullet time" (oscar a John Gaeta per gli effetti speciali).


"More of the same": Reloaded colpisce come Matrix, anche se stavolta il pubblico se lo aspetta. Ma i fratelli ci giocano e si prendono anche in giro. La rissa ("the burly brawl") è molto spettacolare, così come lo scontro con Seraph, ed il duello causato da Persephone. Il corso di guida motociclistica da i suoi frutti e Trinity cavalca contromano la sua Ducati facendo venire la pelle d'oca. (ragazzi non provatelo in autostrada). Chi critica la trama si guardi "the Hours" e per favore tolga la polvere dalle sue videocassette con la produzione di Bergman. Per gli altri questo fumettone ipercinetico è una gioia per gli occhi che strappa anche degli applausi. Riuscito pienamente !

Il sito è fantastico e contiene le interviste anche con gli operatori di macchina. Questa saga, nell'anno dell'uscita della nuova trilogia di guerre stellari, ha saputo rubare lo scettro dello stato dell'arte allo Skywalker Ranch in California. Ed il cinema, ancora una volta, non sarà più lo stesso. Niente è tenuto segreto, se non quello che ci aspetta. Il DVD dell'originale è ricchissimo di storyboard, foto, commenti e backstage sulla realizzazione e prima del film è uscito "The Animatrix", una serie di 9 cortometraggi di animazione con storie che fanno da cornice alla vicenda, così come il videogame "Enter the Matrix".

categorie: 

Neil Gaiman - Aula Absidale di S.Lucia - Bologna

Neil Gaiman è all'altezza dei suoi personaggi. Un po' eccentrico. Inglese, vive negli USA con la sua bella moglie e le figlie Holly e Maddy. Ha vinto innumerevoli premi per la sua storia a fumetti: "The Sandman", che ha battuto ogni record di popolarità tra i fumetti di contenuto adulto, innalzandolo al rango di superstar. L'arco narrativo prende spunto dalle uniche due opere di Shakespeare che non hanno una ambientazione storica: il "Midsummer Night's Dream" e "The Tempest". Gaiman immagina che il Grande Bardo ne abbia ricevuto l'ispirazione dopo un incontro con il signore dei sogni: Morfeo. Si narra di una famiglia di esseri che c'erano prima che gli uomini inventassero il culto dei loro dei, e che ci saranno dopo che gli dei saranno oramai dimenticati. Sono sette e incarnano questi aspetti della vita: in ordine di eta: Destiny, Death, Dream, Desire e Despair, Destruction e Delirium (una volta Delight).

Gaiman è un maestro assoluto della metafora, ha girato il mondo in lungo e in largo, ha letto moltissimo, conosce innumerevoli aneddoti storici ed è appassionato di molte culture. Ama le storie di fate e folletti e le cose curiose, i simboli ed è capace di caratterizzare un personaggio con un gesto, di descriverne in modo toccante tutta una vita in poche pagine. Quello che forse più lo contraddistingue é però una sensibilità incredibile ed una fantasia sconfinata. Si diverte molto ad avvolgere in una morbida coperta di compassione i suoi personaggi apparentemente più pericolosi e sinistri. Un esempio per tutti: Death, la sorella maggiore di Morfeo, ritratta come una ragazzina dark con uno spirito incrollabile e la battuta sempre pronta (umorismo inglese of course).

Ad ogni domanda ha risposto con garbo ed educazione. Una persona speciale, gentile, che sa cogliere il meglio dalla vita per metterlo in prosa e regalarlo (previa piccola somma di denaro) agli altri. Impossibile non toccare l'argomento "Sandman". Ma la discussione è spaziata su tutto l'arco della sua produzione, dalla difficile collaborazione con la BBC per la produzione di "Neverwhere" ad "American Gods" (vincitore del premio Hugo), passando per la quasi disconosciuta biografia dei Duran Duran.

Il suo ultimo libro è una fiaba per bambini, gotica ed inquietante: "Coraline". Ispirato da sua figlia Holly, che a 6 anni tornava a casa da scuola e vedendo suo padre scrivere storie spesso si avvicinava per narrargli le sue, che prendeva molto sul serio e che avevano come protagonista assoluta una bambina di 6 anni di nome Holly. Spesso aveva da discutere con la madre troppo severa, e che ancor più spesso, forse a causa della casa vittoriana (anche Stephen King vive in una casa del genere) incontrava lupi che uscivano dai muri ed altre creature sinistre ed inquietanti. Coraline è una bambina che come Alice attraversa il solco tra due mondi e si ritrova a dialogare con un simulacro della madre con dei bottoni al posto degli occhi. "dei bottoni al posto degli occhi ? O mio dio, ma è orribile !" è ciò che subito può venire in mente ad un adulto. Ma un bambino pensa: "bottoni ? figo ! Li posso disegnare facilmente". Perchè il nome Coraline ? I nomi sono potenti strumenti nella magia e spesso le creature più sono potenti e più ne accumulano, come se fossero tesori nascosti. Nel nome alberga il destino. Alice si diceva, vive il seguito delle sue avventure in "Through the looking glass" (attraverso lo specchio) e Coraline è come una Caroline che lo attraversa, c'è il gioco della riflessione.

Gaiman porta la magia in un mondo un po' grigio, che ne ha un bisogno intimo e assoluto. Niente è impossibile nelle sue storie e la suspance ci segue costantemente mentre seguiemo le appassionanti vicende di personaggi che non potrebbero esserci più vicini, ma che per qualche motivo violano una o più delle regole che noi accettiamo incondizionatamente, solo per obbedire ciecamente a tutte le altre però. Il nuovo talento inglese ha in serbo ancora molte altre storie per noi, ma la sua produzione è già sufficientemente vasta per allietare molti pomeriggi d'estate o serate d'inverno.

Neil Gaiman — The Interview I've Waited 20 Years To Do | The Tim Ferriss Show

Hay Festival 2017: Neil Gaiman and Stephen Fry - Myth Makers

categorie: