Geoff McFetridge - l'arte della fiducia

Geoff McFetridge


"Meditallucination" è il titolo della nuova esposizione di Geoff Mcfetridge presso la danese V1 gallery.

I suoi dipinti sono minimalisti, ma aprono un mondo di possibili interpretazioni. Ci vuole moltissima fiducia da parte di questo artista nell'osservatore per consegnargli così tanto potere sul significato delle sue opere. Infatti, addentrandoci oramai sempre più nella social age, si è soliti sentir vibrare dei perentori "non mi piace !" (invece di "non l'ho capito"). E questo anche di fronte a conclamati capolavori.

Spesso però commenti di questo tipo testimoniano soprattutto la pochezza culturale di chi li fa.

google images

[via]

categorie: 

Kogonada

kogonada

Se dovessi condurre un esperimento sceglierei di approfondire il neorealismo. Costruirei una macchina del tempo e tornerei in Italia, nel 1952, e chiederei a De Sica di dirigere un film con attori di Hollywood come Montgomery Clift e Jennifer Jones...

Le riflessioni del koreano Kogonada sul cinema di Kubrick, Malick e Tarantino.

Uno sguardo originale, acuto che parte dall'estetica per penetrare i segreti della settima arte messa in scena dai maestri.

bfi.org.uk
twitter
vimeo

[via]

categorie: 

Sarah Andersen

Sarah Andersen
Sarah Andersen è una ventunenne del Connecticut (uno degli stati più piccoli degli USA, a nord nella east coast).

Realizza il suo web comic "Doodle Time" con lei stessa e il suo coniglio protagonisti direttamente sulla carta, correggendoli successivamente su photoshop (in quella che potrebbe definirsi la fase DUE).

La nostra è una supereroina dell'autoironia.

sito ufficiale
Doodle Time in tutte le lingue
facebook
twitter

categorie: 

Dietro le quinte di: Agony

agony backstage
Franck Sauer ha un sito dove parla approfonditamente di tutti i giochi cui ha collaborato nei suoi 26 anni di carriera.

Tra questi c'è uno dei gioielli del leggendario Commodore Amiga: Agony (Psygnosis), uno shooter di ambientazione fantasy nel quale si comanda un gufo.

Prendendo spunto dalla tecnologia impiegata in Shadow of the Beast, e domandandosi come fare ancora di più, Il gruppo di sviluppatori inizia a progettare le caratteristiche del gioco, i piani multipli, l'over scan, il parallasse, gli sfondi, gli schermi di caricamento, l'introduzione, la musica, i vincoli (ad esempio 32 colori per gli sfondi) e meccaniche di game design.

Una vera e propria invasione dietro le quinte tecnico e artistico di uno dei più famosi giochi mai pubblicati.

UPDATE: codetapper

categorie: 

Makehuman 1.0

makehuman
Makehuman è un lungo progetto free ed open source sviluppato da una community di artisti, programmatori e ricercatori che mira a creare modelli 3d umani realistici per illustrazioni, animazioni, giochi e modellazione.

Dopo 12 anni di sviluppo è finalmente uscita la versione 1.0, che permette di raggiungere risultati notevoli nella perfezione del rendering ma è utilissima anche quando si vuole lavorare in modalità lo-poly.

E ovviamente ci sono un sacco di tutorial.

facebook
code.google.com
blogspot
sourceforge
wikipedia

image credit: fdastero.wordpress.com

categorie: 

Diecons

diecons
Diecons è un'idea di Adam Dachis che può aiutare a crearsi una disciplina nel gestire le molte cose da fare che si accumulano nel desktop.

Come suggerito da lifehacker si tratta di creare 6 folder e assegnare a ciascuno un'icona colorata, dalla meno importante ("1", azzurra) alla più importante ("6", rossa).

Poi, in funzione del proprio metodo di lavoro, basterà definire una regola nel riempire, spostare e terminare i progetti che sono dentro a questi raccogolitori. Come per esempio:

1 - prima o poi...
2 - domani
3 - oggi
4 - presto
5 - ora
6 - in ritardo !

categorie: 

Come presentare meglio !

presentare meglio
Lo staff di Prezi compila una lista dei consigli da sfruttare per fare una presentazione migliore.

Sempre più spesso al lavoro o anche per fare un video ci si trova nelle condizioni di parlare in pubblico con un obiettivo. Tenere presente questi punti può migliorare drasticamente l'efficacia del discorso.

- Non sentirsi limitati nei movimenti (senza esagerare)
- Parlare con la sufficiente energia
- Evitare di essere impreparati
- Cercare di fare pratica prima
- Non annoiare a MORTE il pubblico con dati, dati e dati
- Non correre rischi è rischioso
- Cercare di essere sé stessi (non fare superman)
- Non prendersi troppo sul serio
- Evitare di avere una montagna di materiale da mostrare
- Non correre troppo.

[via]

categorie: 

Waterlogue

Waterlogue
waterlogue (solo per iOS) è una app molto interessante.

Gli autori sono partiti dai manuali di pittura ad acquerello ed hanno provato a programmare il metodo passo a passo, partendo dalle linee di costruzione e poi l'applicazione dei colori, dalle tinte chiare a quelle più scure, tenendo ovviamente conto della simulazione dell'assorbimento del colore sulla "carta".

Il risultato è un ulteriore passo avanti nel realismo delle immagini che si riescono a produrre, ma la cosa più bella è senz'altro vedere l'ipad che dipinge passo per passo l'immagine come farebbe uno studente molto diligente.

twitter
sito ufficiale
gallery ufficiale

[via]

categorie: 

Leigh Alexander

Leigh Alexander
Leigh Alexander gioca e scrive di giochi e videogiochi da anni. Ma questo lo fanno in tanti. Leigh però è una voce assolutamente originale, da ascoltare sempre.

Collabora o lo ha fatto in passato con il gotha della stampa specializzata e non. Ha scritto per Edge, gamasutra, kotaku e molti altri.

Oltre ad avere fiuto per ciò che conta davvero, lo sa mettere sulla "carta", e soprattutto offre una preziosa chiave di lettura su giochi che altrimenti magari non si sarebbero nemmeno sentiti nominare.

Questa è la sua lista dei titoli imperdibili del 2013 e no, non c'è ne GTA e nemmeno The Last of Us.

E' una tipa tosta, capace di mettersi sotto anche in generi per i quali non solo non è attratta, ma non è nemmeno portata. Ma grazie alla sua tenacia è capace di sfornare poi gemme come questa.

bio
kotaku
twitter
Leigh sull'huffingtonpost
the creators project
slate
facebook
On Rift & Facebook
The Unearthing
German designer Reiner Knizia on the rise of digital board games
Breathing Machine, A Memoir of Computers

[via]

categorie: 

A brief history of time (e altri 199)

A brief history of time
All'età di 21 anni Stephen Hawking, studente di fisica a Cambridge, non aveva molti interessi. Iniziò a perdere l'equilibrio e cadere un po' troppo spesso. Gli venne diagnosticata una rara malattia che secondo i medici gli avrebbe lasciato poco più di 2 anni da vivere. Una notte sognò di essere giustiziato. Fu così che decise che c'erano molte cose interessanti da fare se ne avesse avuto il tempo.

A brief history of time, il documentario di Herrol Morris sul grande fisico è solo uno dei 200 documentari liberamente disponibili su .

Si parla di Jazz, dei Led Zeppelin, di Akira Kurosawa, Lou Reed, Tarkovsky, Aleister Crowley, di Andy Warhol e Roy Lichtenstein. E questi sono solo i primi dieci della lista.

[via]

categorie: 

Kubrick !

kubrick
L'intervista più completa al regista americano fu concessa nell'autunno del 1965 ad un giornalista che divideva l'amore per gli scacchi con Kubrick. Il regista aveva allora 37 anni ed aveva già realizzato Lolita e Dr.Strangelove e stava completando la lavorazione di 2001 ad Oxford.

Attraverso la sua stessa voce si passa dagli anni della scuola all'interesse per la fotografia, Shakespeare reso meno monotono da un insegnante e i buoni voti in fisica. Fino al rapporto con Nabokov e Clarke, l'energia atomica e l'esplorazione spaziale (ai tempi l'uomo non era ancora sbarcato sulla Luna).

La chiave del processo creativo secondo uno dei più grandi cineasti della storia è saper risolvere problemi.

[via]

categorie: 

Il workflow trifase per illustratori (gratis !)

3 phase workflow
Molti principianti del disegno si buttano su foglio (o sullo schermo) in preda all'Ispirazione Divina ®. Non sempre è il modo più corretto di procedere. Anzi, quasi mai.

L'esperienza insegna che ci possono essere almeno 3 fasi distinte nel processo di lavorazione.

La fase 1: è la costruzione dell'immagine, si va dallo scarabocchio alle linee principali del disegno. Meglio lavorare con matite dure e tratti accennati o su diversi layer per poter spostare, ruotare e ridimensionare qualsiasi elemento. In questa fase è vitale essere preda dello spirito creativo, che influenzerà in modo determinante sia la composizione che la realizzazione finale dell'opera.

La fase 2: è la fase di rifinitura e colorazione. Qui domina la polizia pulizia. Una qualsiasi imperfezione risalterà all'occhio attento come un sigaro pestilenziale in bocca alla starlette di turno. E' importante caratterizzare bene i volumi, luci ed ombre e l'eventuale inchiostrazione. Ogni cosa dev'essere al suo posto e ogni dettaglio contribuisce al valore finale dell'opera. Qui non si tratta più di estro creativo, ma di olio di gomito e pazienza nel mettere in luce lo splendore finale. E' una rifinitura.

La fase 0: viene PRIMA di tutte le altre e non prevede l'uso di alcuno strumento. Si svolge tutta nella testa dell'autore, che si immagina di lavorare a velocità infinita, posseduto dallo spirito di Leonardo da Vinci in persona e soprattutto dalle sue capacità. Mette a fuoco il bersaglio in un universo di possibilità e ovviamente precede la fase 1. E' la fase spesso più sacrificata, ed è quella che può donare di più in assoluto. Diversi autori erano noti usare sostanze psicotrope per alimentare visioni più nitide, ma di questi tempi con l'industria chimica galoppante basta farsi un chinotto.

image: [via]

categorie: 

Pages