giochi

videogames, giochi da tavolo, giochi in generale, flash

Il ritorno di Ryu Hayabusa (e che ritorno !)

Il titolo "Ninja Gaiden" fa parte del patrimonio culturale del videgiocatore della prima generazione. L'arcade di TECMO è della seconda metà degli anni '80. Su XBOX il ritorno del ninja nero fa sfoggio di una tecnologia che è lo stato dell'arte. La difficoltà è impressionante, e si viene impegnati in frenetici e spettacolari combattimenti anche con i normali sgherri che di solito sono lì solo per fare fare bella figura all'eroe con una serie di pose plastiche.

Il vero ninja si muove veloce e silenzioso, ed è sempre letale. Il potenziale di Ryu, che controlliamo, è impressionante, ed ha una serie di mosse spaventosa, è facile iniziare a sventolare la spada quà e là, ma è molto difficile padroneggiarla, per non parlare del nunchaku. Le ambientazioni sono varie e sempre estremamente curate. I boss di fine livello richiedono una concentrazione incredibile. Ma la caratteristica forse più innovativa è la sensazione di controllare un eroe dall'agilità sovrumana ed essere constretti ad usare ogni mossa in nostro possesso per prevalere su di un livello di difficoltà volutamente alto.

In Europa la versione PAL sarà addolcita per venire incontro alle nostre "ridotte capacità psicomotorie" - parafrasando Luttazzi.

Killer Application !

categorie: 

Tracce di IA in Far Cry

Incredibile ! Non è mai successo di ripetere la stessa sezione di un livello almeno una dozzina di volte e alla fine essersi divertiti anzichè essere pronti per divorarsi il mouse a morsi. E' quello che avviene con FarCry, capolavoro di Crytech Studios pubblicato da pochi giorni, avanguardia tecnologica con il suo motore compatibile directX 9.0 capace di mostrare cielo, acqua e luci al massimo del realismo. Ma ciò che aggiunge davvero spessore è il comportamento dei mercenari nemici, che si incoraggiano tra loro e cercano in tutti i modi di prendere di sorpresa il malcapitato protagonista. Ogni volta è diverso, dopo anni e anni che i nemici saltano fuori sempre nello stesso modo e nello stesso momento, finalmente il gioco prende vita e l'attesa dell'agguato si fa snervante.

FarCry arriva la dove avrebbe dovuto condurci Half-Life 2, ma Valve ha ancora in serbo qualche asso. Non nutriamo molta fiducia invece in Doom 3 del texano impazzito John Carmack. Probabilmente poco più di una demo tecnica (spero però di essere smentito !).

categorie: 

Il ciclo ipnotico

Ficcarsi le dita nel naso non è mai stato così divertente. Occorre riuscirci entro 5 secondi mentre la mano oscilla velocemente sotto le narici. E' uno dei minigiochi di Wario Ware inc. di Nintendo per GBA. In perfetto stile anni '80, agli albori dei videogame, quando un gioco consisteva in poco più di una azione da reiterare all'infinito, Wario Ware propina una raffica di minigiochi tutti differenti da 5 secondi ciascuno. La concentrazione non può mai venire meno ed il ritmo sale incessante. Sembra un paradigma del periodo che stiamo vivendo, mentre in passato le cose si muovevano più lentamente qui veniamo schiacciati da una accelerazione continua.

L'ambientazione è decisamente buffa e molto ben caratterizzata. Fa fare parecchie risate per le trovate al limite del demenziale in uno stile che si colloca bene tra quello dei Monty Pyton e il paese del Sol Levante.

Catch!

categorie: 

Evangelion - Restart

Evangelion è tornato. Su PS2 sta per arrivare un nuovo gioco prodotto da Bandai pieno di novità, sia come armi che come modelli di EVA. Probabilmente una storia parallela agli eventi narrati nell'anime che ha completamente rivoluzionato lo scenario giapponese nel 1996. La storia è ben nota ed è stata narrata in maniera così dirompente da generare un fanatismo ossessivo in tutto il mondo. Dopo diversi anni è iniziata addirittura la produzione di un lungometraggio dal vivo che verrà girato in Nuova Zelanda, la partria della Weta Workshop, lo studio di effetti speciali dietro alla megaproduzione de "il signore degli anelli". Il progetto è ambiziosissimo, perchè nell'anime si parla di eventi di portata apocalittica e nonostante la vena psicologica e metafisica che permea il tutto è sempre una storia di robot giganti. Per Shinji, il giovane quasi-disadattato che pilota la più imponente macchina da guerra mai concepita il casting non sarà determinante, ma che dire invece di colonne portanti della serie quali Misato Katsuragi e soprattutto l'oggetto del desiderio di tutti gli Otaku: Rei Ayanami ?

Pare che la storia verrà pesantemente rimaneggiata per dare spazio ad un cast più internazionale che permetta al film di penetrare più facilmente in tutto il mondo. Una delle cose stupefacenti di Evangelion è questo continuo riscrivere la storia, che già in origine presenta due finali alternativi ma complementari.

Aspettiamo curiosi

categorie: 

Snake is back !

Il 2004 vedrà il ritorno di Solid Snake, l'eroico soldato geneticamente modificato comparirà nel terzo episodio della saga di Metal Gear: "snake eater" e anche nel rifacimento del primo episodio per le console di nuova generazione, che ha segnato il ritorno di una franchise che aveva avuto successo addirittura sugli 8 bit. Ma quando i bit diventano 128 e il genio di Hideo Kojima entra in gioco le cose si fanno serie. Il precedente "sons of liberty" aveva impressionato dal punto di vista tecnico ma erano state fatte alcune scelte sbagliate, tipo sostituire il protagonista più sovraccarico di carisma della storia del videogame con un efebico tipino alla di Caprio (non a caso nei salvataggi assistiamo ai duetti fra "Jack" e "Rose"). E' ora di rimettere le cose a posto. Kojima si può considerare per il videogame quello che era Orson Wells per il cinema. Un profondo innovatore del linguaggio. Realismo giocabile è una estrema sintesi delle intenzioni di questo 42enne giapponese.

E' un fatto che "the twin snakes" in uscita per GameCube è stato prodotto da una inedita collaborazione tra Nintendo, Konami e il team di sviluppo dei Silicon Knights. La produzione si è spinta fino a ridoppiare interamente le voci dei protagonisti in modo da sfruttare le nuove capacità audio della console Nintendo. E' uno dei primi casi di remake per un videogame, ma è vero anche che in nessun caso precedente si era arrivati così vicini ad una vera esperienza interattiva di tipo cinematografico.

"Impressive Snake" !

categorie: 

La kournikova alza l'insalatiera

Dicono che sia la più bella tennista di tutti i tempi. Peccato solo che non abbia ancora vinto un torneo del grande slam. Per riparare a questa ingiustizia galattica basterà acquistare l'ultimo capolavoro di "Power and Magic": Top Spin e cominciare ad allenarsi.

Non c'è mai stato un gioco di tennis che catturi così tanto del vero spirito dello sport con i "quindici". Dal pubblico sparuto che assiste ai primi turni dei tornei secondari al cinguettio degli uccellini sul campo di allenamento. Dall'ingresso in campo a Wimbledon tra gli applausi scroscianti, al rumore delle palline che schizzano via sempre più simili a proiettili sull'erba. Le animazioni dei movimenti e i modelli sono strepitosi, dopo ogni punto è possibile chiamare il replay e spesso si cede alla tentazione. Uno spettacolo che dista ben poco da quello reale seguito in TV.

Top Spin è un gioco che diventa una franchise (cioè darà il via ad una serie) già dalla sua prima apparizione.

categorie: 

Ghost in the shell per PS2


Una bella notizia: e' finalmente stata rilasciata una dichiarazione di sony relativa all'uscita di un nuovo gioco ambientato nell'universo di "Ghost in the Shell". Il maggiore Motoko Kusanagi torna sui nostri schermi animata dalla potenza dell'emotion engine e da una matura consapevolezza degli sviluppatori sull'hardware della Playstation 2. Lo stile di gioco è in terza persona (alla "Max Payne") e tra i personaggi che sarà possibile controllare figurano Motoko e il fido Batou.

Molto probabile anche la presenza dei fuchikoma (o meglio tachikoma). Questo nuovo gioco prende le mosse dall'ultima serie animata "Stand Alone Complex" ambientata in una ennesima versione alternativa rispetto al primo manga e al film.

Chi può aspettare ?

The Making of The Game - GHOST IN THE SHELL 攻殻機動隊 Playstation 1997

Ghost In The Shell Playstation (PS1) Intro HQ

categorie: 

Eye Toy: Play

Grande trovata sviluppata in anteprima per l'Europa, in questo momento gli USA e il Giappone stanno aspettando il rilascio della telecamerina USB per PS2 che rivoluziona completamente il modo di giocare. La produzione è passata da 50.000 a 750.000 unità visto l'enorme successo di Eye toy: Play. Un insieme di 12 giochetti tutti immediati e molto divertenti che permettono di prendere confidenza con questa nuova tecnologia. In Giappone si stavano arrovellando producendo alberi di natale con sensori ad infrarossi quand'ecco che è arrivato questo uovo di colombo. Un'idea semplice e coinvolgente che da il La al party play a livello mondiale, giungendo là dove i rhythm game non erano riusciti ad arrivare. Se Konami, che detiene il know how più invidiabile in questo campo, potesse sviluppare per il gingillo nero (la telecamerina stessa) se ne vedrebbero delle belle.

Restiamo in attesa per Eye Toy: Play 2

categorie: 

Il figlio di Bombjack

Nel 1984 un coloratissimo gioco della misconosciuta Tehkan esplose letteralmente nelle sale giochi. Un piccolo supereroe vestito di rosso saltava su e giù per le meraviglie del mondo togliendo le bombe che minacciavano di farle esplodere. Un gameplay perfetto permetteva di ottenere punteggi inverosimili per l'epoca. L'eroe veleggiava in giro frenando la caduta grazie al fido mantello. Beh, dopo un paio di seguiti poco conosciuti, quest'anno l'eroe è tornato ed è in grado di distorcere il tempo, rallentandolo e accelerandolo come si conviene ad un prodotto del periodo post-Matrix. Ufficialmente non ha niente a che vedere con BombJack, se non il look completo di cornini che però sono un omaggio a certi personaggi dell'animazione giapponese, non ultimo Tekkaman. Strepitoso il momento che precede il combattimento con certi boss finali, dove l'eroe si pone in plastica posa e l'elmo si richiude a scatto di fronte alla bocca. E' una parodia riuscitissima condita con molta azione.

Botte da orbi !

categorie: 

Nuova sezione giochi Flash

Inaugurata la nuova sezione PLAY qui sulla sinistra con dei giochini flash che ripercorrono la storia del videogame. Era il lontano 1979, al cinema il pubblico rabbrividiva con Alien di Ridley Scott e lo spazio era visto come un luogo freddo ed inospitale, due anni dopo il grande fulgore di "Guerre Stellari".

Quello che sarebbe diventato uno stereotipo grazie ad innumerevoli film, il campo di asteroidi, diventa uno dei giochi più famosi della storia per merito dell'Atari, un marchio sopravvissuto a mille vicissitudini e attivo ancora oggi.

categorie: 

La guida galattica per autostoppisti in java (niente panico!)

Gran gioco appartenente ad un genere oramai scomparso ma che forse sta per ritornare per merito della tecnologia di riconoscimento/sintesi vocale. La guida galattica per autostoppisti è online free grazie alla traduzione in java nella sua versione originale uscita all'inizio degli anni '80 prodotta dalla leggendaria etichetta Infocom. Trama: vi svegliate nel vostro letto e scoprite che la nuova tangenziale galattica passa per la Terra e quindi che il caro pianeta natale sta per essere spazzato via. Cosa farete ? Cominciate con lo svegliarvi e alzarvi dal letto... La parodistica trama del famoso libro di Douglas Adams si dipana davanti ai vostri occhi in modo interattivo.

Niente panico.

categorie: 

Gothic

Un RPG che riesce là dove Ultima IX aveva miseramente fallito. I personaggi si muovono, parlano tra loro, vanno a dormire e svolgono le loro consuete attività, in una società semplificata dall'esistenza di meno professioni. L'ambientazione è accattivante e variegata, la scala azzeccata, la notte fa paura. Le cose da fare sono tante. Non si ha un nome, non si crea il personaggio, ma si migliora continuamente. All'inizio ci si aggira sperduti e deboli, poi piano piano si capisce quali animali e mostri evitare e su quali invece avventarsi a caccia di pellicce e denti da rivendere. Un lungo viaggio in un mondo ben realizzato. Ottimo lavoro della Piranha.

Se solo i lupi non ti saltassero addosso alle spalle di notte causando folli attacchi di paura !!!

categorie: 

Il ritorno di Tron - 2.0

Nel 1982 ci fu un film che scosse l'immaginario collettivo: ET !

Però anche Tron fu giudicato molto interessante. Le sue ambientazioni erano decisamente visionarie; rese possibili anche per il fatto che il mondo digitale cominciava soltanto a interferire con la vita reale, mediante orologi al quarzo e il VCS 2600 dell'Atari. Internet doveva ancora diventare una realtà consolidata.

Le gare velocissime dei light cycle, i contatti fluorescenti colorati di azzurro e blu per i buoni e di rosso per i cattivi, i tank oscuri dagli spigoli lucenti, i velieri solari, qualcosa di unico. Una profezia per il futuro, anche se con un linguaggio un po' infantile.

Tron 2.0 torna sugli schermi dei PC, stavolta un gioco per davvero, e anche nelle lagine di una miniserie a fumetti.

categorie: 

20 domande

Pensate ad un oggetto e il computer tenterà di indovinarlo. E' molto divertente vedere come l'intelligenza artificiale cominci con domande molto generiche: "animale, vegetale, minerale ?" e poi si avvicini pian pianino alla verità con domande sempre più incisive. Sembra di vedere lo sforzo del calcolatore nel cercare di capire quello che si pensa. Il gioco riesce a indovinare anche concetti come "vita", "morte" ecc...

Molti complimenti a chi ha implementato questo programma.

categorie: 

Half-Life 2

Half-Life 2 si appresta a uscire per il 30 settembre 26 novembre dell'anno prossimo (sigh). Il gioco originale vedeva uno scienziato: Gordon Freeman, cercare di sopravvivere agli eventi catastrofici che si abbattevano sul centro di ricerca. Il senso di inquietudine era palpabile e ogni livello concepito in modo decisamente innovativo e coinvolgente. Il seguito si appresta a ridefinire le regole del genere. Tutto quello che poteva essere migliorato è stato oggetto di incredibile attenzione da parte dei programmatori della Valve. La fisica degli oggetti è realizzata in modo incredibilmente realistico e rende possibili meraviglie dal punto di vista del game-design. Acqua, fuoco, illuminazione calcolata in tempo reale, edifici che si sfasciano sotto i colpi di artiglieria pesante, personaggi realistici sia nel loro comportamento che nelle espressioni. Ma soprattutto una storia a sorreggere tutti questi prodigi tecnici. Un gioco che di colpo fa sembrare obsoleto tutto il resto. Un gioco che probabilmente riuscirà a ravvivare una industria un po' in crisi.

categorie: 

Googlefight

Googlefight è un interessante giochino che permette di indagare nell'immaginario collettivo. Tutto è basato sul più potente motore di ricerca del mondo: Google. Basta scrivere due parole per inscenare un combattimento virtuale fra di loro e vedere quella che prevale. Si può notare che tra le frasi: "i delfini non sono pesci" e "i delfini sono pesci" vince quest'ultima (mentre i delfini sono notoriamente mammiferi). Che fra il "mal di testa" e l'"aspirina" vince il mal di testa. Che fra "la mia ragazza" e "Pamela Anderson" vince di misura l'interprete di Baywatch. Chissà che non si possa scandagliare attentamente quella che si può definire come coscienza di massa passando attraverso un motore di ricerca usato in modo non convenzionale. Ogni ulteriore idea o segnalazione è benvenuta.

categorie: