Google Calendar

Google Calendar
Andando tutti sempre più in fretta perchè dobbiamo sprecare più ore possibile sui social è bene cercare di organizzarsi per il meglio.

"Contro il logorìo della vita moderna"... Google Calendar.

E' possibile stabilire un appuntamento con più persone in una finestra di tempo più o meno ampia, avere un conto alla rovescia per mmenti importanti, definire un'agenda quotidiana (che aumenta la produttività), gestire più calendari, fare videochiamate, mandare reminder e molto altro.

google calendar web
calendar app
tips


categorie: 

Antichi Calcolatori

okuribito
Kevin Twomey ha fotografato una serie di antiche macchine di calcolo. Prima dei transistor i calcoli venivano effettuati mediante la pressione di tasti che scatenavano il movimento di ingranaggi, assi, aste, leve di metallo e ghiere dentate. Il tutto tenuto insieme da uno chassis e un numero imprecisato di viti e bulloni.

Il risultato è notevolmente steampunk.

pinterest

[via]

categorie: 

Le fiabe di Esopo

The Fox and the Crow, illustration by Arthur Rackham from 'Aesop's Fables', published by Heinemann, 1912

Aesop Fables, il sito che raccoglie tutte le oltre seicento fiabe di Esopo, si avvia verso i 20 anni (ed in effetti l'aspetto del sito non sfugge a qualche considerazione in merito).

Ciascuna delle brevi favole del leggendario autore greco ha per protagonisti animali ed oggetti, che sono ovviamente allegorie dei comportamenti umani, e termina con una morale, spesso scritta esplicitamente.

Le Fiabe

[via]

categorie: 

Best Practices for Procedural Narrative Generation

Chris Martens, professoressa al computer science department dell'università NC State si occupa da anni di ricerca sulla narrativa procedurale ed i suoi metodi formali.

Ha sviluppato "ceptre" (tutorial), un linear logic programming language che permette di definire sistemi evolutivi con molti elementi indipendenti.

github
publications
sito ufficiale
graphviz

[via]

categorie: 

Ho fatto a pezzi Sio...

Sio


... e fa ancora molto ridere !

Il progettino di questa settimana mi è un po' sfuggito di mano. Il siomixbot, sceglie casualmente pannelli dai fumetti a 4 vignette di Sio e li assembla in una nuova pagina, pubblicata su twitter.

Da sempre sono appassionato di "generatori" di contenuti, il primo di cui ho memoria scriveva nomi di personaggi in stile Tolkien. Proprio con questo "generatore" ho subito notato che, spezzare in sillabe i veri nomi dei personaggi mantenendone l'ordine, anzichè un approccio più astratto nel generare anche le sillabe stesse, produceva risultati migliori.

Ed è la stessa cosa con i fumetti di Sio, nei quali i personaggi si somigliano tutti (per fortuna) e le cui vignette sono divertenti di per sé. Inoltre, trattando temi tipici (la pizza, la vita, nonsense, vari guai), si ricombinano a volte in fumetti quasi all'altezza degli originali.

Ma oltre a questo la cosa forse più interessante è la dimostrazione di quello che dice Scott McCloud, ovvero
che il fumetto è quella cosa che avviene tra le varie vignette, alla quale la nostra immaginazione cerca di trovare un significato.

categorie: 

Comics Beat e lo Status Quo dei comics USA

chrononauts Sean Gordon Murphy


In questo interessante articolo pubblicato su comicsbeat Sean Gordon Murphy (autore di "The Wake", "Hellblazer: City of Angels", "Chrononauts") riflette sullo stato del comicdom americano, alla luce della crisi Vertigo e della asfissiante presenza dei social media e dei loro contenuti nella vita dei lettori.

Il fumetto di Brian K. Vaughan e Marcos Martin "The Private Eye", con la formula del "pay-what-you-want" è sicuramente una strada interessante, ma occorre fare attenzione al flusso di denaro che investe sempre meno autori ed artisti e che sta cambiando profondamente i rapporti in una industria che non è comunque mai stata troppo generosa chi ne faceva parte.

La natura artistica e commerciale del fumetto, analogamente a quella del cinema, è sempre causa di un difficile equilibrio, soprattutto quando una crisi editoriale di proporzioni planetarie non accenna a terminare. Ma ovviamente il fumetto, come qualunque altro media, non sparirà mai.


categorie: 

Amateur VS Pro

Amateur VS Pro
In questo articolo: The 7 Differences Between Professionals and Amateurs, di Jeff Goins ci sono alcune interessanti osservazioni, una salta all'occhio, pensare che: "il successo [...] sia trovare l'idea giusta o la grande occasione. In verità il successo in qualsiasi campo ha più a che vedere con l'esercitarsi con impegno sulla propria tecnica".

In sostanza un'opera non è semplicemente un punto di arrivo (riproducibile in sé), ma è a tutti gli effetti un percorso, ed è impossibile arrivare a fare qualcosa di significativo senza intraprendere una strada e proseguirla con pervicacia. La stessa cosa vale per la felicità.

Corollario: non esistono scorciatoie.

1. La chiarezza arriva dopo aver intrapreso una azione
2. I principianti vogliono arrivare. I pro vogliono migliorare.
3. I principianti si esercitano quanto basta. I pro non smettono mai.
4. I principianti saltano verso un sogno. I pro costruiscono un ponte.
5. I principianti temono il fallimento. I pro non si spaventano.
6. I principianti affinano una abilità. I pro costruiscono un portfolio.
7. I principanti vogliono essere notati. I pro vogliono essere ricordati.


categorie: 

Le lezioni del professor Cacca

unko kanji drill


La parte più tediosa nello studiare giapponese sono gli ideogrammi e alle scuole elementari gli studenti passano ore e ore a ripetere il tracciamento di oltre 1000 kanji.

Ma finalmente una clamorosa serie di libri a tema "cacca" ha risvegliato l'interesse dei ragazzi in Giappone, e si avvia ad arrivare a vendere oltre 1 milione di copie, che per un libro di studio sono numeri alla Harry Potter.

I kanji sono presentati dal professore con la testa a forma di escremento (vendetta tremenda vendetta) e tutte le frasi di esempio, e perfino le nuvolette, seguono il tema, facendo sganasciare dal ridere gli studenti e trasformando qualcosa di barboso in un vero divertimento.

sito ufficiale
nicovideo
うんこかん字ドリル @ amazon.jp
twitter

[via]

categorie: 

Commodore 64 Blackbird by Linus Akesson

blackbird
Linus Akesson (aka LFT), da Lund - Svezia, si occupa di musica, poesia, film, programmazione, yoga, (meta-)matematica, danze folk svedesi, libri, traduzioni, psicologia e sociologia, sicurezza informatica, magia, giapponese, elettronica, tipografia, meditazione, meccatronica, sogni lucidi, go, interactive fiction ecc.

Tra i suoi tanti progetti possiamo trovare un motore di ricerca di file musicali SID sul repository audio hvsc, dedicato al sacro C=64.

Ha anche creato Blackbird (ecco il manuale), un programma musicale professionale sempre per il microcomputer Commodore.

The TTY demystified
youtube official



Pages