cinema

cinema, film, attori e attrici, registi, clips

I migliori 50 film della decade

best films of the decade so far


Dopo averne già compilata una per gli anni 2000, il sito di cinema the film stage stila la lista dei migliori 50 film della prima metà della decade in corso.

Tutti i redattori del sito hanno collaborato alla stesura, e anche se l'ordine può essere soggettivo, indubbiamente ci sono scelte ampiamente condivise dalla critica di film d'autore ben noti, ma soprattutto moltissime perle sconosciute, oscurate dai rumorosissimi blockbuster americani che spesso sono realizzati con lo stampino.

Ognuna delle pellicole presentate viene accompagnata da una descrizione sintetica ma efficace, in grado di metterne in evidenza il reale valore.


categorie: 

Un'ora con John Carpenter

John Carpenter
John Carpenter è un maestro del cinema fantastico che in oltre trent'anni ha realizzato capolavori del calibro di The Fog, Grosso Guaio a Chinatown, 1997: Fuga da New York, La Cosa, Christine, la Macchina Infernale, Starman, Il Principe delle Tenebre, They Live, Halloween.

Tra i più grandi eroi della settima arte però è l'unico che scrive, dirige, monta e compone le musiche dei suoi film. Una sovrapposizione di ruoli così unica riesce a dare un'impronta assolutamente personale alle sue pellicole. Forse nessuna di esse è perfetta, ma ognuna ha un anima, qualcosa di misterioso e impalpabile che si insinua nel cuore dello spettatore senza lasciarlo più.

Il documentario "Fear Is Just the Beginning" ci accompagna dietro le quinte della sua carriera.

image by Nathan Thomas Milliner

categorie: 

Kung Fury

Con il progredire di effetti speciali di fatto oramai alla portata di chiunque è diventato sempre più lecito chiedersi quando sarebbe uscito un prodotto che mettesse insieme tutte queste nuove possibilità con la più pura vena di ironica follia.

Kung Fury è una commedia action scritta e diretta da David Sandberg a base di arcade-robots, dinosauri, nazisti, vichinghi, deità nordiche, mutanti ed un super poliziotto-kung-fu che torna indietro nel tempo.

La prova definitiva che lo spirito degli anni '80 non morirà mai, anzi, ogni anno diventa più cattivo.

twitter
wikipedia
vhx.tv
kickstarter
facebook


categorie: 

Genndy Tartakovskij Popeye

Popeye Genndy Tartakovskij


Genndy Tartakovskij, nato in Russia ma emigrato in Illinois con la famiglia a 7 anni, è cresciuto guardando le avventure animate degli anni '30 del marinaio creato da Segar: Popeye.

Leggere il nome del realizzatore di alcuni dei prodotti di animazione più interessanti degli ultimi anni (Star Wars: Clone Wars, Le Superchicche, Samurai Jack, Hotel Transylvania) è quindi una garanzia per il film dedicato al marinaio mangia-spinaci.

Il test di animazione, che non comparirà nella pellicola in uscita nel 2016, è la prova definitiva che lo spirito di Popeye sarà onorato nei minimi dettagli.

UPDATE: Il progetto è stato modificato da Sony per cambi al vertice. Tartakovskij non è più coinvolto


categorie: 

2001 remixed by Steven Soderbergh

2001 a space odyssey
Steven Soderbergh, regista di successo e accademico del cinema, ha deciso di intraprendere una strada particolare che potrebbe diventare un trend molto interessante: rimontare capolavori durante il suo periodo di pausa da Hollywood.

Ha preso di mira per primo "Psycho", facendo un "fan edit" tra l'originale di Hitchcock e la versione di Gus Van Sant. Poi è stato il turno del titanico western di Michael Cimino che mise in ginocchio la United Artists: Heaven's Gate (108').

Per studiare la cura che Spielberg riversa nella messa in scena, un'abiloità rara che dà grandi soddisfazioni al pubblico, ha realizzato una versione di Raiders of the Lost Ark muta e in bianco e nero. Come dice Fincher ci sono un centinaio di modi di girare una scena, ma alla fine della giornata si riducono a due di cui uno è quello sbagliato.

Alla fine, dopo averne visionato qualsiasi versione su pellicola negli studi della Warner, ha deciso di profanare 2001, secondo una personale interpretazione dello stile di Kubrick nell'ottica delle tecnologia digitale attuale che permette di preservare le inquadrature stabili e le fonti di luce realistiche.

[via]

categorie: 

Predestination (2014)

Predestination
Predestination è un interessante pellicola australiana dei fratelli Spierig dove compaiono i paradossi del viaggio nel tempo.

Non ha un gran budget e nel cast non ha stelle sulla cresta dell'onda, nonostante performance assolute di Ethan Hawke and Sarah Snook. Rischia di passare inosservato e per questo merita una segnalazione.

Il soggetto è tratto da un racconto di Heinlein del 1958: All you zombies. Per quelli che non lo avessero letto: attenzione agli spoiler !

io9
sito ufficiale
wikipedia
rotten tomatoes


categorie: 

Il labirinto di Alvarez

maze walkthrough


Serafin Alvarez, artista e ricercatore, ha collezionato per oltre 3 anni immagini di corridoi che compaiono nei film di fantascienza.

Quello che ne è uscito è un'esperienza interattiva: Maze Walkthrough, nella quale si percorre un vero e proprio labirinto dell'immaginario collettivo dei film sci-fi, saltando da un'opera all'altra ad ogni angolo, e perdendosi nello spazio e nel tempo; i due concetti che ossessionano l'autore.

[via]

categorie: 

Jackie Chan

Jackie Chan
Jackie Chan è un attore, coreografo, comico, regista, produttore, maestro di arti marziali, sceneggiatore, imprenditore, cantante e stuntman. E' diventato anche un meme.

E l'attore che ha preso il posto nientemeno che di Bruce Lee, anche se il suo stile comico (invece che epico) lo penalizza e tende a sottrargli gran parte della considerazione della quale dovrebbe godere.

Nel filmato di Tony Zhou di every frame a painting: "Jackie Chan - How to Do Action Comedy", vengono spiegati chiaramente e in modo approfondito molti dei motivi per i quali è a tutt'oggi una leggenda e si trovano anche alcuni trucchi di montaggio e regia molto interessanti che vengono usati solo a Hong Kong, e ancora non sono arrivati nel cinema statunitense.

imdb
sito ufficiale
facebook
twitter
pinterest

[via]

categorie: 

Tokyo Story - 東京物語

Tokyo Story - 東京物語
Tôkyô Monogatari (Tokyo Story) è considerato uno dei capolavori cinematografici più immediati.

Questo "shomin-geki" (melodramma borghese) di Yasujiro Ozu, del 1954, racconta la storia di una anziana coppia che raggiunge la capitale giapponese per una visita ai figli, i quali però, presi dal trambusto della vita moderna e da loro stessi, non prestano loro molta attenzione. Una storia "semplice nella forma ma complessa nella sua essenza, proprio come la vita".

"Tokyo Story" appare molto spesso nella lista dei 5 migliori film di tutti i tempi, ha un rating di 100% su rotten tomatoes ed è una di quelle rarissime pellicole che "nobilitano il cinema" (R. Ebert).

wikipedia
criterion collection
Remembering Ozu

categorie: 

Hullabaloo

Hullabaloo
Hullabaloo è un progetto di James Lopez (The Lion King, Pocahontas, Paperman), Rick Farmiloe (The Little Mermaid, Beauty and the Beast, Aladdin) ed altri animatori 2D ex Disney, preoccupati per il graduale abbandono della tecnica tradizionale in favore del 3D.

Questa storia Steampunk che ha per protagonista Veronica Daring, scienziata figlia di un eccentrico inventore, ha già raccolto quasi il triplo della cifra richiesta per la produzione e le possibilità che diventi quindi un film completo invece di un corto pilota iniziano a diventare interessanti.

[via]

categorie: 

Il Dune di Jodorowski e Moebius

Meobius Dune
Tra tutti i grandi film che non si sono tramutati in realtà ci sono "Heart of Darkness" di Orson Welles, "Napoleon" di Kubrick e il Dune di Jodorowski.

Il progetto del cineasta franco-cileno era super ambizioso e rivoluzionario, e per realizzarlo occorreva uno storyboard di migliaia di pagine. A realizzarle il numero uno del fumetto mondiale: Moebius, che oltre ad essere elegante era anche tremendamente veloce.

Impegnati nella pre-produzione, durata anni, oltre all'astro francese, ci furono H.R. Giger e Dan O'Bannon. Il team che fu poi usato per la realizzazione di "Alien" dopo l'accantonamento della pellicola.

Di questo progetto resta diverse interviste e un librone di schizzi pronto per essere trasportato sullo schermo, quando la finiranno di fare le stronzate di Michael Bay (et similia ovviamente).

open culture
duneinfo.com
coudal

[via]

categorie: 

Ma Prometheus era veramente una vaccata ?

prometheus


A me 'sta cosa che Prometheus sia stata un'occasione mancata per rilanciare la saga di "Alien" non va giù. L'obiettivo era quello di essere compatibili con la storia del 1979 e rimettere in pista unfranchise deragliato, magari rilanciando.

Quello che tutti si aspettavano dal film era la stessa giostra dell'orrore dell'originale, visto il ritorno di Scott. Invece sono arrivati gli Ingegneri e il "liquido nero". Prometeo (significa "preveggenza") è il nome del mitico titano che ha donato il fuoco agli umani. E quindi la prima chiave di lettura della nuova pellicola è chiara fin da subito. A seguire qualche risposta per chi ha voglia di approfondire.

What kind of creation is made by an imperfect god
Prometheus: 8 Key Themes In Understanding The Film

BONUS: Alien 3: A misunderstood masterpiece

categorie: 

Kirishima, Bukatsu Yamerutteyo (2012)

the kirishima thing Kirishima, Bukatsu Yamerutteyo
"Kirishima, Bukatsu Yamerutteyo" ("Kirishima è uscito dal gruppo... di attività scolastiche", 2012, regia di Daihachi Yoshida) è un film che mi è stato consigliato dal sensei di lingua giapponese. E' un film che ritrae il mondo della scuola in modo particolarmente realistico.

Il film si concentra su due dei personaggi che compaiono nel racconto omonimo di Ryo Asai, pubblicato nel 2010. Il Kirishima del titolo molla improvvisamente la squadra del club di pallavolo, di cui è capitano, e questo scatena una serie di conseguenze nell'ambiente della scuola.

Il film ha vinto diversi premi in Giappone tra cui: miglior film, regia, montaggio, popolarità, attrice esordiente, attore esordiente.

rassegna giappone
Sonatine - Appunti sul cinema giapponese contemporaneo

categorie: 

Realizzando Blade Runner

Blade Runner
In attesa del sequel, che però forse non si farà mai e comunque molto difficilmente potrebbe mai essere anche solo paragonabile al livello dell'originale, ci si può consolare rivedendosi, oltre al film, il documentario classico On the Edge of Blade Runner.

Inoltre ecco una lista di trivia, a cominciare da quella del'esimio Dott. Manhattan

20 cose che forse non sapevate su Blade Runner
altri 20 fatti su Blade Runner
trivia
facts
trivia 2
imdb trivia

Blade Runner: the complete image guide
Blade Runner: 142 Behind-The-Scenes Photos


categorie: 

Omoide no Marnie (2014)

omoide no marnie when marnie was there


E così sta per arrivare "When Marnie Was There", il primo film dello Studio Ghibli dopo il ritiro di Miyazaki. Basato sul racconto di Joan G. Robinson, è sceneggiato e diretto da Hiromasa Yonebayashi ("Maro"), alla seconda regia dopo il riuscitissimo "Arrietty".

Anna non ha un amico al mondo, è stata adottata e va a stare con una coppia di anziani che vive in Hokkaido. Lì conosce Marnie, l'unica ragazza con cui riesca a fare amicizia. Un giorno però Marnie scompare proprio quando una nuova coppia si trasferisce a vivere lì vicino. Anna riesce finalmente a fare amicizia anche con loro, e così scopre qualcosa di sorprendente su Marnie...

sito ufficiale giapponese
wikipedia

E' in uscita anche un documentario sullo Studio Ghibli: "The Kingdom of Dreams and Madness" nel quale Mami Sunada riesce a intervistare tutti e tre i componenti fondamentali: Hayao Miyazaki, Isao Takahata e il produttore Toshio Suzuki.

"When Marnie Was There" - Fine On The Outside- music clip


Pages