cinema

cinema, film, attori e attrici, registi, clips

Rock & Rule

Rock & Rule è un acclamato lungometraggio animato del 1983 sul rock & roll. Una superstar invecchiata, Mok, trama per evocare un demone e scatenarne i poteri per i suoi diabolici fini. Il piano di Mok per liberare il demone prevede una ricerca, un rapimento, un cantante di nome Angel e un viaggio nella metropoli post-apocalittica nota come Nuke York. L'azione decolla quando la band di Angel, guidata da Omar, tenta un audace salvataggio. Rock & Rule presenta musiche originali di Cheap Trick, Debbie Harry, Lou Reed e Iggy Pop, oltre a un'apparizione speciale degli Earth, Wind and Fire.

Grazie a Retro Rerun il film completo è disponibile su youtube.

Cadillacs & Dinosaurs

[via]

categorie: 

Dan Mumford

Dan Mumford
Dan Mumford è un illustratore freelance che lavora nel centro di Londra.

Negli ultimi 10 anni, Dan ha lavorato nell'ambito della cultura pop e della scena musicale creando di tutto, dalle copertine degli album, al branding e alla serigrafia fino alle nuove interpretazioni di poster e album di film classici.

I suoi clienti includono Disney, Sony, Iron Maiden, Wizards of the Coast, Icon Motoports, CBS e molte altre band ed etichette discografiche di tutto il mondo.

dark city gallery
central illustration agency
behance
twitter
facebook

[via]

categorie: 

Alvy Ray Smith - Pioniere della CGI

Alvy Ray Smith, nato nel 1943, è uno dei pionieri della computer grafica e cofondatore della divisione computer della Lucasfilm e successivamente di Pixar.

Dopo la laurea in ingegneria elettrica ed essere stato professore associato alla New York University e a Berkeley ha lavorato a SuperPaint (primo programma di grafica raster) allo Xerox PARC. E' uno degli inventori del "canale alpha" e ha creato e diretto le immagini del "progetto Genesis" che appaiono in Star Trek II.

sito ufficiale
imdb

Alvy Ray Smith, Graphics Pioneer & Co-Founder, Pixar & George Dyson, Author, Science Historian

[via]

categorie: 

Le Mans '66

Le Mans '66 ("Ford v Ferrari" in originale) è un ottimo film di James Mangold ("Logan", "Girl, Interrupted").
Già dall'anno precedente la Ford era entrata nel mondo delle competizioni chiedendo aiuto a Carroll Shelby (quello della AC Cobra), ma sul mitico circuito francese nessuna delle sue auto arrivò al traguardo, a causa del fatto che reggere 24 ore di gara è davvero molto difficile. Oltre che in formula 1, anche nell'endurance la Ferrari dominava e cementava la sua reputazione.

Nel 1966 la casa modenese schierava la leggendaria Ferrari 330 p3 (probabilmente la più bella macchina da corsa della storia) mentre la Ford GT40 rappresentava la casa americana. Entrambi i veicoli sono presenti (o quasi, c'è la p4) in GT Sport per PS4, e la pista è il "Circuit de la Sarte".

Ovviamente il film schiera un cast all'altezza della situazione, dove spicca come al solito Christian Bale, che onora la memoria di Ken Miles, fenomenale pilota e ingegnere. E a proposito di piloti e ingegneri, compare anche il Drake, Enzo Ferrari, interpretato da Remo Girone.

imdb
box office mojo
wikipedia

categorie: 

ScummVM e Blade Runner



Il mitico ScummVM , l'emulatore delle avventure grafiche LucasArts (e non solo), recentemente ha aggiunto il supporto per Blade Runner.

Per ScummVM sono disponibili come freeware, e scaricabili dal sito: 'Beneath a Steel Sky', 'Dreamweb', 'Flight of the Amazon Queen', 'Lure of the Temptress', 'Drascula: The Vampire Strikes Back', 'Soltys' e 'Sfinx',


categorie: 

Satoshi Kon



Satoshi Kon è stato un regista geniale, animatore, sceneggiatore e autore di manga. Nato a Sapporo, Hokkaidō e membro della Japanese Animation Creators Association.
Si è laureato al dipartimento di Graphic Design della Musashino Art University.

In questa serie di saggi video, BREADSWORD parla con calma della filmografia di Satoshi Kon e di come affronta il concetto di Amore. Il primo ad arrivare è Perfect Blue.


Akira

Yuichi Shintani nel 1988 dirige questo imperdibile "Production Report" su Akira (アキラ) di Otomo.

Akira è uno dei pochissimi casi in cui il mangaka originale si incarica di dirigere anche il film, riducendo in 2 ore le oltre 2000 pagine dei 6 volumi del fumetto. Otomo centra due volte l'obiettivo, sia con il manga che con la pellicola, che rimane a tutt'oggi imperdibile, a oltre 30 anni di distanza dall'uscita cinematografica.
I 24 fps, che per una produzione di animazione sono il doppio del normale - e quindi è come aver realizzato due film - vengono sfruttati alla perfezione nelle numerose scene d'azione e restituiscono una fluidità da videogame.


categorie: 

Chernobyl HBO



Il numero di cose di grande interesse sulla miniserie HBO ispirata al disastro di Chernobyl è praticamente infinito, non a caso sono state realizzate diverse puntate companion del podcast ufficiale. Ma basta sapere che, come si capisce immediatamente dallo spettacolare e sinistro trailer, è scritta in modo eccellente ed aderentissimo ai fatti accaduti realmente, è girata alla perfezione ed interpretata in modo magistrale da Jared Harris, Stellan Skarsgard e Emily Watson. La serie è schizzata immediatamente in testa alla classifica delle migliori mai realizzate e ha avuto un enorme riscontro di pubblico.

Si tratta della più grave catastrofe creata dall'uomo, avvenuta realmente all'1:23:45 della notte del 26 aprile 1986, al confine tra Ukraina e Bielorussia, quando ancora esisteva l'Unione Sovietica. Il nocciolo del reattore della centrale nucleare rimase esposto per giorni, durante i quali l'emissione di radiazioni equivaleva a due esplosioni di Hiroshima, ogni ora. Le misure e gli eroici sacrifici necessari per rimediare ad un disastro di tale portata furono devastanti e incommensurabili, e ancora oggi il sarcofago che rinchiude quello che resta delle 200 tonnellate di combustibile fissile altamente radioattivo durerà per soli altri 100 anni.

the moscow times
Valery Legasov
Legasov's indictment of Chernobyl management
Chernobyl miniserie


categorie: 

Blender Open Movie: Spring

Spring è la storia di una pastorella e del suo cane, che affrontano spiriti antichi per continuare il ciclo della vita. Questo cortometraggio poetico e di grande impatto visivo è stato scritto e diretto da Andy Goralczyk, ed è ispirato alla sua infanzia trascorsa sulle montagne Tedesche.

Il team di Spring ha utilizzato la versione di sviluppo di Blender 2.80 per l'intera produzione, anche prima che il software fosse in Beta ufficiale. Come per tutti gli Open Movies di Blender, l'intero processo di produzione e tutti i suoi file sorgente sono condivisi sulla piattaforma di produzione Blender Cloud.

Spring
Blender Open Movies.


categorie: 

Hayao Miyazaki’s World - 'Best of' Booklet

Hayao Miyazaki’s World - 'Best of' Booklet

Hayao Miyazaki’s World - 'Best of' Booklet è un saggio di Tamah Nakamura che spiega come, in Giappone, Hayao Miyazaki sia considerato molto più di un regista, ma un vero pensatore e filosofo.

Il libro attraversa la produzione artistica di Miyazaki, approfondendo ecologismo, simbologia, natura umana e molti altri aspetti in film come "Totoro", "Mononoke", "Nausicaa" e "La città incantata".

[via]

Yamaha CS-80

Yamaha CS-80
Sam Battle - la mente di Look Mum no Computer - durante uno dei suoi folli progetti in una nuova location, ha scovato in un angolo uno Yamaha CS-80.

Si tratta di un sintetizzatore analogico polifonico giapponese del 1976. Una bestia da 100 kili e 20.000 euro, capace di riprodurre tutta l'ampiezza di archi e ottoni in modo impareggiabile.

E' lo strumento usato da Vangelis per suonare la colonna sonora di "Blade Runner" e "Momenti di Gloria" e fu impiegato anche per "Dune" dei Toto.

Arturia CS-80v (il replicante)
synthmuseum.com
Exploring the Yamaha CS-80
The 14 most important synths in electronic music history
cs80.com
wikipedia
vintagesynth.com
CS-80 @ gearslutz.com

[via]

Spider-Man: Into the Spider-Verse

Spiderman into the Spiderverse


Oltre all'esordio al cinema del nuovo Spider-man Miles Morales in compagnia dei suoi amici aracnidi, la cosa davvero sensazionale di Spider-Man: Into the Spider-Verse è il suo stile, la forma che, per una volta, diventa sostanza.

Il quasi-capolavoro diretto da Bob Persichetti e scritto da Phil Lord e Christopher Miller aveva la missione imposta da Sony di togliere un po' di polvere dal supereroe più amato del mondo, incastrato in un multiverso di inutili reboot.

L'obiettivo viene centrato in pieno, rompendo tutte le regole dei film di animazione imposte da decenni di dominio Pixar, e usando un mucchio di trucchi per renderlo incredibilmente dinamico ed entusiasmante. Una vera e propria boccata d'ossigeno dopo cloni su cloni di film di animazione e supereroi in live-action tutti uguali.

The Making of Spider-Man: Into the Spider-Verse
Spider-Man: Into the Spider-Verse directors on the film’s gorgeous style
Spider-Man: Into the Spider-Verse’s unique art style meant ‘making five movies’
‘Spider-Man: Into the Spider-Verse’: Making Miles Morales, the Animation Disruptor
Rodney Rothman, Peter Ramsey & Bob Persichetti Interview: Spider-Verse

wikipedia


categorie: 

John Walsh - Super Eyepatch Wolf

John Walsh racconta di anime, cartoon, videogame e altri media in modo arguto, e ben documentato, raccogliendo dati e lasciando perdere per quanto possibile le opinioni soggettive.

Qui sopra ci spiega esattamente le ragioni della caduta dei Simpson, la serie tv più innovativa di qualche decennio fa, e nel fare questo ci rende partecipi del significato di gusto, di saper scegliere, comprendere e apprezzare davvero quello che si guarda, per evitare di ingozzarsi di qualsiasi cosa venga scelta da un algoritmo e farlo diventare come un passatempo qualsiasi.

instagram
twitter
patreon
youtube

[via]

Brainstorm (1983)

Brainstorm
Popular mechanics ci ricorda che trentacinque anni fa uscì un film di fantascienza che coinvolgeva quattro leggende di Hollywood, diretto da uno dei più importanti e influenti artisti visivi della storia del cinema (Douglas Trumbull), e la trama preannunciava l'invenzione della realtà virtuale con decenni di anticipo sui tempi.

La sceneggiatura era è stata scritta come una vetrina per una nuova tecnologia progettata per cambiare il modo di vedere i film. Una delle leggende hollywoodiane morì prima che il film fosse finito, una morte misteriosa, e questo finì per essere il suo ultimo film.

Brainstorm (1983) è un film visionario e anticipatore ma molto sottovalutato.

wikipedia
Roger Ebert
rotten tomatoes

[via]

categorie: 

Pages