Game Making

RetroCore - Snatcher

RetroCore cura da anni la playlist Battle of the Ports, dove vengono messe a confronto le release di videogame ultra classici.

Le centinaia di episodi iniziano col botto, con "Space Harrier", "R-Type" e "Ghosts'n Goblins", e al 300° si trova il confronto di "Snatcher", mitico titolo ispirato da "Blade Runner" creato da Kojima nel novembre 1988.

wikipedia
metalgear.fandom
Snatcher Is Cyberpunk Noir At Its Best


Jonathan Blow



Jonathan Blow è una di quelle persone speciali che sembrano avere la capacità di rimettere in discussione qualsiasi assunto per cercare un approccio sempre migliore. Ha sviluppato e concepito "Braid" e "the Witness" ed ora si sta cimentando nella realizzazione di un nuovo linguaggio di programmazione specificamente dedicato ai videogame.

Nel video parla delle tecniche che ha sviluppato per rimanere ancorato ad un progetto senza perdere la motivazione.

A Programming Language for Games
Game Engine Programming


La storia di Dungeons & Dragons

DM It All (patreon, twitter) ci racconta la storia dello sviluppo di Dungeons & Dragons, le idee di Gygax e Arneson e tutto il processo che ha portato dai wargame alla creazione dei Role Playing Game. Cosa c'entra Tolkien, l'introduzione dei ruoli, dei punti ferita, delle classi, dei livelli, dei tiri salvezza e tutta la struttura necessaria per avventurarsi insieme nelle segrete per sconfiggere il male.


Noclip Website: un museo digitale di livelli

okuribito
Noclip.website è un sito che raccoglie i livelli più importanti dei videogame più famosi: Magio Galaxy, Metroid Prime, Dark Souls, Grand Theft Auto III ecc.

Un vero e proprio museo digitale dove ogni mondo è riprodotto alla perfezione e può essere visitato in lungo e in largo, con una interfaccia intuitiva.

twitter
github


Infocom z-machine

Infocom z-machine diagram
The Digital Antiquarian ci racconta dell'interprete dei classici giochi degli anni '80 realizzati dalla Infocom: la prodigiosa z-machine e di come sia stata recuperata per realizzare nuove avventure.

La macchina è nata dall'esigenza impellente di Joel Berez e Marc Blank di fare il porting di Zork dal PDP-10 del MIT (ecco da dove deriva la Z).

Part 2: Hacking Deeper (or, Follies of Graham Nelson’s Youth)
Part 3: A Renaissance is Nigh

[via]

categorie: 

Immersive Math

Immersive Math

Immersive Math è "il primo libro di algebra lineare del mondo con figure completamente interattive", utilizza semplici giochi, illustrazioni e persino programmi di ray-tracing per spiegare i principi dietro questa branca a volte astrusa della matematica.

Anche se il libro non fornisce una comprensione immediata della trigonometria, fa un buon lavoro nel fornire la visione generale. Nel capitolo 2, per esempio, viene usato Breakout per mostrare il concetto di vettore, uno dei più importanti dell'algebra lineare.

[via]

Knights and Bikes

Rex Crowle allevava pecore. Un giorno si è rotto le scatole, ha venduto tutto, si è comprato un'Amiga e ha cominciato a sfornare giochi brutti. Ha smesso quando si è iscritto al college, si è diplomato in graphic design e ha trovato una sua "voce".

Flash e l'interattività lo hanno riportato all'imprinting delle origini, così ha aiutato Media Molecule a definire la sua identità e a creare "Little Big Planet" e "Tearaway".

Ha speso gli ultimi 3 anni a perfezionare in Unity Knights and Bikes, un gioco sull'infanzia e lo spirito di avventura, l'immaginazione e l'energia degli anni '80.


Build Your Own

Build Your Own
Dani Stefanovic (twitter, codepen) ha compilato una lista di tutorial per realizzare da zero varie tecnologie digitali: 3D Renderer, Augmented Reality, BitTorrent Client, Blockchain / Cryptocurrency, Bot, Command-Line Tool, Database, Docker, Emulator / Virtual Machine, Front-end Framework / Library, Game, Git, Network Stack, Neural Network, Operating System, Physics Engine, Programming Language, Regex Engine, Search Engine, Shell, Template Engine, Text Editor, Visual Recognition System, Voxel, Engine, Web Search Engine, Web Server e varie ed eventuali.

Il tutto in vari linguaggi tra cui C#, go, python ecc.


Open Shading Language

Open Shading Language

Open Shading Language è un linguaggio ricco molto utilizzato nei renderer avanzati e in altre applicazioni, ideale per descrivere materiali, luci, modifiche e generazione di modelli.

OSL, originariamente sviluppato da Sony Pictures Imageworks per l'utilizzo nel suo renderer interno utilizzato per l'animazione di lungometraggi ed effetti visivi, è stato rilasciato come open source in modo da poter essere utilizzato da altri studi di animazione e studi di animazione e fornitori di software di rendering. Ora è di fatto il linguaggio di ombreggiatura standard per le funzioni VFX e di animazione, utilizzato in tutto il settore in molti renderizzatori commerciali e di proprietà di studio. Per questo motivo, il lavoro su OSL ha ricevuto un Academy Award for Technical Achievement nel 2017.

Robusto e pronto per la produzione, è stato utilizzato in diversi film come "The Amazing Spider-Man", "Hotel Transylvania", "Edge of Tomorrow", "Ant Man", "Finding Dory", e molti altri. Il supporto OSL è nella maggior parte dei principali renderer utilizzati per lavori di animazione e VFX di fascia alta.

gruppo osl-dev
imageworks.com
OSL 1.11 language specification

Musica con il commodore e goattracker

c64 goattracker
Marcello, appassionato di retrocomputer, ci insegna a programmare la musica su un commodore 64 originale, usando goattracker.

Sul sito retro 64 si possono trovare anche: news, tecniche, recensioni e molto altro.

Making Commodore 64 SID music with Goattracker: part #1, part #, part #3

[via]

Every Noise At Once

every sound map
Su Every Noise c'è ogni tipo di musica, dal pop cipriota all'indietronica, dal christian rock al death metal.

Glenn Mcdonald, "chief taxonomist" di Spotify, ha sfruttato la loro web API, ed il lavoro di ascolto di centinaia di altri dipendenti, per creare una mappa esplorabile di migliaia di artisti e i loro generi e sottogeneri di "appartenenza".

Partendo dalla propria star preferita, o dai generi che amiamo ascoltare, si può navigare nei dintorni e scoprire decine e decine di altri link interessanti, che l'interfaccia standard di spotify non rende così facili da scovare.

developer.spotify.com
twitter
Genre A Day

[via]

Pages