cultura

letteratura ed altro

British Library

La British Library offre un innovativo servizio che permette di consultare alcuni preziosi volumi direttamente online.

E' possibile visionare alcuni codici di Leonardo, il "Diamond Sutra" che sembra essere il più antico libro del mondo ed altri, con tanto di testo a commento delle singole pagine, audio e lente di ingrandimento per scoprire i dettagli.

categorie: 

15 regole per scrivere meglio

Sull'interessante angolo del corriere.it il sito di Beppe Severgnini, autore di numerosi best seller, pubblica le 15 regole d'oro per scrivere nel suo stile asciutto e ironico:

1) Avere qualcosa da dire
2) Dirlo
3) Dirlo brevemente
4) Non ridirlo (semmai, rileggerlo)
5) Dirlo chiaro
6) Dirlo subito
7) Dirlo in modo interessante
8) Dirlo in italiano (è più trendy, baby)
9) Non calpestate i congiuntivi
10) Non gettate oggettive dal finestrino
11) Spegnete gli aggettivi, possono causare interferenze
12) In caso di nebbia, rinunciate ai puntini di sicurezza
13) Non date da mangiare alle maiuscole
14) Slacciate le metafore di sicurezza
15) In vista della citazione, rallentare

Beppe Severgnini

interventi su RMC
twitter


Le regole di Neil Gaiman:

1 - Write
2 - Put one word after another. Find the right word, put it down.
3 - Finish what you’re writing. Whatever you have to do to finish it, finish it.
4 - Put it aside. Read it pretending you’ve never read it before. Show it to friends whose opinion you respect and who like the kind of thing that this is.
5 - Remember: when people tell you something’s wrong or doesn’t work for them, they are almost always right. When they tell you exactly what they think is wrong and how to fix it, they are almost always wrong.
6 - Fix it. Remember that, sooner or later, before it ever reaches perfection, you will have to let it go and move on and start to write the next thing. Perfection is like chasing the horizon. Keep moving.
7 - Laugh at your own jokes.
8 - The main rule of writing is that if you do it with enough assurance and confidence, you’re allowed to do whatever you like. (That may be a rule for life as well as for writing. But it’s definitely true for writing.) So write your story as it needs to be written. Write it ­honestly, and tell it as best you can. I’m not sure that there are any other rules. Not ones that matter.


Kurt Vonnegut

1 - Use the time of a total stranger in such a way that he or she will not feel the time was wasted.
2 - Give the reader at least one character he or she can root for.
3 - Every character should want something, even if it is only a glass of water.
4 - Every sentence must do one of two things — reveal character or advance the action.
5 - Start as close to the end as possible.
6 - Be a Sadist. No matter how sweet and innocent your leading characters, make awful things happen to them-in order that the reader may see what they are made of.
7 - Write to please just one person. If you open a window and make love to the world, so to speak, your story will get pneumonia.
8 - Give your readers as much information as possible as soon as possible. To hell with suspense. Readers should have such complete understanding of what is going on, where and why, that they could finish the story themselves, should cockroaches eat the last few pages.


David Ogilvy

The better you write, the higher you go in Ogilvy & Mather. People who think well, write well.

Woolly minded people write woolly memos, woolly letters and woolly speeches.

Good writing is not a natural gift. You have to learn to write well. Here are 10 hints:

1. Read the Roman-Raphaelson book on writing. Read it three times.
2. Write the way you talk. Naturally.
3. Use short words, short sentences and short paragraphs.
4. Never use jargon words like reconceptualize, demassification, attitudinally, judgmentally. They are hallmarks of a pretentious ass.
5. Never write more than two pages on any subject.
6. Check your quotations.
7. Never send a letter or a memo on the day you write it. Read it aloud the next morning — and then edit it.
8. If it is something important, get a colleague to improve it.
9. Before you send your letter or your memo, make sure it is crystal clear what you want the recipient to do.
10. If you want ACTION, don’t write. Go and tell the guy what you want.


Henry Miller

1 - Work on one thing at a time until finished.
2 - Start no more new books, add no more new material to ‘Black Spring.’
3 - Don’t be nervous. Work calmly, joyously, recklessly on whatever is in hand.
4 - Work according to Program and not according to mood. Stop at the appointed time!
5 - When you can’t create you can work.
6 - Cement a little every day, rather than add new fertilizers.
7 - Keep human! See people, go places, drink if you feel like it.
8 - Don’t be a draught-horse! Work with pleasure only.
9 - Discard the Program when you feel like it—but go back to it next day. Concentrate. Narrow down. Exclude.
10 - Forget the books you want to write. Think only of the book you are writing.
11 - Write first and always. Painting, music, friends, cinema, all these come afterwards.


John Steinbeck

1 - Abandon the idea that you are ever going to finish. Lose track of the 400 pages and write just one page for each day, it helps. Then when it gets finished, you are always surprised.
2 - Write freely and as rapidly as possible and throw the whole thing on paper. Never correct or rewrite until the whole thing is down. Rewrite in process is usually found to be an excuse for not going on. It also interferes with flow and rhythm which can only come from a kind of unconscious association with the material.
3 - Forget your generalized audience. In the first place, the nameless, faceless audience will scare you to death and in the second place, unlike the theater, it doesn’t exist. In writing, your audience is one single reader. I have found that sometimes it helps to pick out one person—a real person you know, or an imagined person and write to that one.
4 - If a scene or a section gets the better of you and you still think you want it—bypass it and go on. When you have finished the whole you can come back to it and then you may find that the reason it gave trouble is because it didn’t belong there.
5 - Beware of a scene that becomes too dear to you, dearer than the rest. It will usually be found that it is out of drawing.
6 - If you are using dialogue—say it aloud as you write it. Only then will it have the sound of speech.


Jack Kerouac

1 - Scribbled secret notebooks, and wild typewritten pages, for yr own joy
2 - Submissive to everything, open, listening
3 - Try never get drunk outside yr own house
4 - Be in love with yr life
5 - Something that you feel will find its own form
6 - Be crazy dumbsaint of the mind
7 - Blow as deep as you want to blow
8 - Write what you want bottomless from bottom of the mind
9 - The unspeakable visions of the individual
10 - No time for poetry but exactly what is
11 - Visionary tics shivering in the chest
12 - In tranced fixation dreaming upon object before you
13 - Remove literary, grammatical and syntactical inhibition
14 - Like Proust be an old teahead of time
15 - Telling the true story of the world in interior monolog
16 - The jewel center of interest is the eye within the eye
17 - Write in recollection and amazement for yourself
18 - Work from pithy middle eye out, swimming in language sea
19 - Accept loss forever
20 - Believe in the holy contour of life
21 - Struggle to sketch the flow that already exists intact in mind
22 - Dont think of words when you stop but to see picture better
23 - Keep track of every day the date emblazoned in yr morning
24 - No fear or shame in the dignity of yr experience, language & knowledge
25 - Write for the world to read and see yr exact pictures of it
26 - Bookmovie is the movie in words, the visual American form
27 - In praise of Character in the Bleak inhuman Loneliness
28 - Composing wild, undisciplined, pure, coming in from under, crazier the better
29 - You’re a Genius all the time
30 - Writer-Director of Earthly movies Sponsored & Angeled in Heaven

[via]

categorie: 

ZEITGEIST 2003

Google cattura lo "spirito del tempo". In questo caso dell'appena trascorso anno 2003. In pratica il più potente strumento di ricerca disponibile in rete pubblica le query più frequenti, suddivise anche per area geografica, con qualche aneddoto o curiosità.

E' possibile anche osservare, alla stregua del mercato azionario, l'andamento di certi termini nel periodo dell'anno e si vede come la SARS esplode a marzo del 2003 per poi scendere costantemente fino a giugno. La NASA trovi un triste picco in febbraio per la tragedia dello shuttle al rientro e la montagna costituita da matrix reloaded abbia un affascinante profilo simmetrico a cavallo di maggio-giugno.

Si può osservare così come "nokia" sia il brand più famoso e ricercato in italia, il che la dice lunga sulla passione di noi italiani per la chiacchiera. Mentre "prince Charles" sia l'uomo più 'ricercato' in Inghilterra (speriamo che quindi lo arrestino, dovrebbe stare dalle parti di Buckingham Palace no ? Mi sembra ovvio). Trasferendoci ad oriente invece, visto che Beckham è il più famoso e anche il calcio figura fra le query più frequenti si direbbe che i giapponesi abbiano oramai la testa nel pallone, ma la fioritura dei ciliegi regge sempre nella top ten. Negli USA invece Britney e l'Iraq lottano per la prima posizione nelle rispettive categorie, non facile pronunciarsi su quale sia responsabile del maggior numero di danni. La Ferrari invece sbaraglia la concorrenza nei marchi famosi.

E per aggiungere un tocco di storia lo spirito del tempo: 2002.

categorie: 

Cinnamon

Un racconto di Neil Gaiman precedentemente rilasciato solo per i fan è ora disponibile online.

E' una breve fiaba su di una principessa indiana di nome Cinnamon. Suo padre è il raja e la storia inizia con una tigre che si reca a palazzo e che "si muove con la fierezza di un dio, che è come si muovono le tigri". La tigre comincia un discorso di sfida con il raja...

Cosa succederà ?

categorie: 

Islanda ? Perchè no !?

La "Blue Legoon" esiste, ma non è quella tropicale del celeberrimo film con Phoebe Cates (mai più vista). Si trova molto molto a nord, nella fredda e poco popolata isola di ghiaccio: l'Islanda.

Un viaggio non costa troppo visto che la meta non è strepitosamente turistica e la possibilità di immergersi nell'acqua calda e accogliente riscaldata dal fuoco della terra è una bella prospettiva.

categorie: 

Sandman: Endless Nights

E' ancora un sogno, ma a settembre diverrà realtà. Sette storie, una per ciascuno degli Endless. Un dream team di disegnatori di tutto il mondo per l'attesissimo undicesimo volume della saga del Signore dei Sogni. Il ritorno ai comics di Neil Gaiman regalerà una Delirium nelle mani di Bill Sienkievicz, Desire disegnato/a dalla sensuale matita di Milo Manara, Glenn Fabry che si occuperà di Destruction, Frank Quitely di Dream, Prado di Destiny con una storia ambientata quando gli Endless erano giovani, la prima mai raccontata cronologicamente da Gaiman, Barron Storey di Despair, e l'autore del meraviglioso numero 50, P.Craig Russell, di Death, in una storia ambientata a Venezia ("Death in Venice", Neil è il solito burlone) . Dopo tanta attesa un volume di 160 pagine che lasceranno il segno.

Fiato sospeso !

categorie: 

Vita di Pi

Un romanzo ironico, profondo, che rimanda a "il vecchio e il mare" di Hemingway, ma qui il protagonista è un ragazzo sopravvissuto all'affondamento di un mercantile in mezzo all'oceano Pacifico. Pi Patel si ritrova in compagnia di una tigre del Bengala adulta, pericolosa e con il mal di mare (la bellissima copertina dice già tutto).

La situazione è paradossale e il libro si legge tutto d'un fiato, tra sbalzi di giubilo e profondissime angoscie. E' narrato in 100 capitoli esatti, non uno di più non uno di meno. Una storia intrigante che viene narrata con stile ed arguzia da Yann Martel, uno scrittore cosmopolita. Figlio di diplomatici canadesi, è nato in Spagna nel 1963 e ha abitato un po’ ovunque: Alaska, Columbia Britannica, Costarica, Francia, Ontario, Messico e India. Attualmente vive a Berlino, dove divide il suo tempo tra scrittura, insegnamento, yoga e volontariato.

Una vicenda che fa riflettere su Dio; Pi, infatti, è musulmano, indu e cristiano allo stesso tempo. Una storia fatta di 100 storie, o forse solo due... Il finale rivelatore è un grande colpo di scena. Consigliato !

categorie: 

Neil Gaiman - "American Gods"

La popolazione americana è composta in gran parte di immigrati. Le varie religioni, i miti, hanno quindi attraversato l'oceano Atlantico insieme con i loro fedeli, e si sono ritrovati in un paese arido, persi nel ricordo della loro lontana età dell'oro. Vediamo quindi Odino, divinità massima del pantheon nordico, Anansi, il ragno africano, Bilquis la leggendaria regina di Saba e molti altri. Personaggi caratterizzati con la solita classe e quel pizzico di ironia tutta inglese da parte dell'autore. La massima abilità di Gaiman sta nei dialoghi, dove le parole riescono a trasfondere un realismo incredibile a delle vicende particolarmente complesse. Una storia che è un insieme di storie più piccole. Un progetto molto ambizioso che può dirsi riuscito. Immagini e colori che potrebbero significare molto più di quello che sembra, se il lettore già conosce di chi o cosa si sta parlando.

categorie: 

Il poeta virtuale

Ecco un'ideina interessante, che può essere anche divertente: il Rob's Amazing Poem Generator. Vi verrà chiesto il vostro indirizzo web preferito e vi verrà regalato, dopo una certa spremitura di silicio, un poema composto con le frasi del suddetto.

Da evitare i siti con javascript pesante come quelli presenti qui su splinder purtroppo, perchè lo script non è in grado di distinguere... magari mi metto di buona lena e lo modifico, visto che l'autore ha reso disponibile il codice sorgente, che è scritto pure in perl, il mio strumento di lavoro.

categorie: 

Neil Gaiman - Aula Absidale di S.Lucia - Bologna

Neil Gaiman è all'altezza dei suoi personaggi. Un po' eccentrico. Inglese, vive negli USA con la sua bella moglie e le figlie Holly e Maddy. Ha vinto innumerevoli premi per la sua storia a fumetti: "The Sandman", che ha battuto ogni record di popolarità tra i fumetti di contenuto adulto, innalzandolo al rango di superstar. L'arco narrativo prende spunto dalle uniche due opere di Shakespeare che non hanno una ambientazione storica: il "Midsummer Night's Dream" e "The Tempest". Gaiman immagina che il Grande Bardo ne abbia ricevuto l'ispirazione dopo un incontro con il signore dei sogni: Morfeo. Si narra di una famiglia di esseri che c'erano prima che gli uomini inventassero il culto dei loro dei, e che ci saranno dopo che gli dei saranno oramai dimenticati. Sono sette e incarnano questi aspetti della vita: in ordine di eta: Destiny, Death, Dream, Desire e Despair, Destruction e Delirium (una volta Delight).

Gaiman è un maestro assoluto della metafora, ha girato il mondo in lungo e in largo, ha letto moltissimo, conosce innumerevoli aneddoti storici ed è appassionato di molte culture. Ama le storie di fate e folletti e le cose curiose, i simboli ed è capace di caratterizzare un personaggio con un gesto, di descriverne in modo toccante tutta una vita in poche pagine. Quello che forse più lo contraddistingue é però una sensibilità incredibile ed una fantasia sconfinata. Si diverte molto ad avvolgere in una morbida coperta di compassione i suoi personaggi apparentemente più pericolosi e sinistri. Un esempio per tutti: Death, la sorella maggiore di Morfeo, ritratta come una ragazzina dark con uno spirito incrollabile e la battuta sempre pronta (umorismo inglese of course).

Ad ogni domanda ha risposto con garbo ed educazione. Una persona speciale, gentile, che sa cogliere il meglio dalla vita per metterlo in prosa e regalarlo (previa piccola somma di denaro) agli altri. Impossibile non toccare l'argomento "Sandman". Ma la discussione è spaziata su tutto l'arco della sua produzione, dalla difficile collaborazione con la BBC per la produzione di "Neverwhere" ad "American Gods" (vincitore del premio Hugo), passando per la quasi disconosciuta biografia dei Duran Duran.

Il suo ultimo libro è una fiaba per bambini, gotica ed inquietante: "Coraline". Ispirato da sua figlia Holly, che a 6 anni tornava a casa da scuola e vedendo suo padre scrivere storie spesso si avvicinava per narrargli le sue, che prendeva molto sul serio e che avevano come protagonista assoluta una bambina di 6 anni di nome Holly. Spesso aveva da discutere con la madre troppo severa, e che ancor più spesso, forse a causa della casa vittoriana (anche Stephen King vive in una casa del genere) incontrava lupi che uscivano dai muri ed altre creature sinistre ed inquietanti. Coraline è una bambina che come Alice attraversa il solco tra due mondi e si ritrova a dialogare con un simulacro della madre con dei bottoni al posto degli occhi. "dei bottoni al posto degli occhi ? O mio dio, ma è orribile !" è ciò che subito può venire in mente ad un adulto. Ma un bambino pensa: "bottoni ? figo ! Li posso disegnare facilmente". Perchè il nome Coraline ? I nomi sono potenti strumenti nella magia e spesso le creature più sono potenti e più ne accumulano, come se fossero tesori nascosti. Nel nome alberga il destino. Alice si diceva, vive il seguito delle sue avventure in "Through the looking glass" (attraverso lo specchio) e Coraline è come una Caroline che lo attraversa, c'è il gioco della riflessione.

Gaiman porta la magia in un mondo un po' grigio, che ne ha un bisogno intimo e assoluto. Niente è impossibile nelle sue storie e la suspance ci segue costantemente mentre seguiemo le appassionanti vicende di personaggi che non potrebbero esserci più vicini, ma che per qualche motivo violano una o più delle regole che noi accettiamo incondizionatamente, solo per obbedire ciecamente a tutte le altre però. Il nuovo talento inglese ha in serbo ancora molte altre storie per noi, ma la sua produzione è già sufficientemente vasta per allietare molti pomeriggi d'estate o serate d'inverno.

Neil Gaiman — The Interview I've Waited 20 Years To Do | The Tim Ferriss Show

Hay Festival 2017: Neil Gaiman and Stephen Fry - Myth Makers

categorie: