Asia

Giappone, cultura giapponese, Cina, eventi dell'estremo oriente

Joseph Everett - What I Learned

Collegare i punti, trarre conclusioni confrontarsi coi dogmi odierni: Joseph Everett vive a Tokyo e realizza video molto interessanti che si concentrano sull'inevitabile nanoesistenzialismo quotidiano del terzo millennio e, curiosamente, su salute e alimentazione, dato che ci sono molte informazioni contrastanti in questi campi;

Imparare significa migliorare sé stessi e contribuire al miglioramento generale. Un canale ambizioso che mira a innescare una scintilla nella vita dei suoi spettatori.

What I Learned

life for busy people
twitter
patreon


How the Internet Redesigns your Mind | Choose your Default Mode

WHY Sugar is as Bad as Alcohol (Fructose, The Liver Toxin)

WHY Exercise is so Underrated (Brain Power & Movement Link)

Why Meditate? | Change your Brain's Default Mode

Science of How OCD Works (Dealing with Brain Lock)

categorie: 

Kiyohiko Azuma

Kiyohiko Azuma

Kiyohiko Azuma, il sottovalutato (secondo me) autore di Yotsuba e Azumanga Daioh, disegna i suoi personaggi nel tipico stile manga "cartoon", ma gli sfondi sono incredibilmente particolareggiati, tanto da essere quasi delle opere d'arte a sé.

In una intervista del 2014 rivela come cerchi di inserire personaggi strani in un mondo realistico.

schizzi
tumblr
designstack

Danbo, il robot di Yotsuba

[via]

Tao Long The Way of the Dragon

Tao Long
Tao Long di Tunderglyph Games è un gioco da tavolo (che esiste anche in versione deluxe) nato da una campagna kickstarter di successo.

"C'era qualcosa di informe e perfetto prima che nascesse l'Universo. Per mancanza di un nome migliore, lo chiamo il Tao".
- Lao Tzu

Tao Long: The Way of the Dragon è un gioco circolare di tipo astratto in cui ogni azione intrapresa apre diverse opzioni per l'avversario. Ogni giocatore controlla un drago in lotta contro l'altro, ma i due esseri ancestrali sono misteriosamente legati insieme dal Tao, infatti per muoversi e agire si spostano pedine che rappresentano luce e buio, acqua e fuoco su una tavola speciale ispirata agli 8 elementi del Bagua.

Graficamente le code dei draghi si dipanano con un meccanismo che ricorda "Nibbler", ed i punti di teletrasporto sembrano un omaggio a "Portal".

Tra scenari personalizzabili e modalità sempre più profonde, entrambi i draghi si muovono, attaccano, si bloccano a vicenda e cercano il dominio. Alla fine, ce ne può essere solo uno, almeno fino a quando le maree del cambiamento arriveranno un'altra volta.


categorie: 

Hanamikoji

Hanamikoji
Hanamikoji è un gioco da tavolo di Kota Nakayama (中山 宏太) che prende il nome da una delle strade più famose del quartiere di Gion a Kyoto.

Il tema è ovviamente quello delle Geisha, delle quali bisogna vincere il favore cercando di acquisire i loro oggetti preferiti. La meccanica di gioco è simile a quella di battle line.

english rules
boardgamegeek


categorie: 

Kyoto Animation - L'evoluzione di uno studio unico

Kyoto Animation
Tratta dagli imperdibili saggi di sakugabooru, questa è la storia di uno studio con una filosofia chiara, fin da molti anni prima del suo grande debutto: Kyoto Animation. La stella cometa degli studi di animazione (se escludiamo Ghibli) ad oggi ha ottenuto un enorme successo ed il suo ambiente di lavoro è insolitamente buono, ma ha dovuto affrontare anche svariate curiose questioni. I KyoAni sono unici nel loro genere!

All'inizio Yoko Hatta lascia il suo lavoro di colorista, si sposa e si trasferisce a Kyoto, dove raccoglie alcune altre casalinghe e si mette a dipingere cel per Tatsunoko. Nel 1985 tutto diventa ufficiale e si consolida nel nome Kyoto Animation, con il marito Hideaki come presidente e Yoko stessa a capo delle operazioni, con il potere di avere voce in capitolo su tutto. Vengono fondati i dipartimenti di animazione, quello di fotografia e quello artistico e cominciano i lavori di intercalazione e background art per altri studi. KyoAni collabora su Orange Road, Dirty Pair e Evangelion, ma perfino al cinema per Ghibli e su Akira.

Un ulteriore salto di qualità avviene nella produzione di Zillion, con Mitsuhisa Ishikawa che fonda IG Tatsunoko. E poi, nel 1991, la realizzazione del primo corto "Shiawasette Naani", tutto realizzato internamente. Da lì in avanti le cose si fanno ancora più interessanti.

La reputazione dello studio si fonda sulla impressionante capacità di fornire sempre animazione di qualità eccellente, senza "tirare via" come si usa in questa industria dai ritmi infernali, e di porre particolare attenzione ai dettagli nella recitazione dei personaggi. E questo innesca una vera e propria rivoluzione.

KyoAni @ masayume

[via]

Sunsoft - La storia

sunsoft atari VCS 2600 kangaroo
Shmuplations ci regala la Storia di Sunsoft, creatrice nel 1982 del mitico Kangaroo, poi licenziato ad Atari.

La SunSoft (Sun Denshi) nasce nel 1969, dopo l'incontro tra Masami Maeda e Robert Noyce di Intel. Bastò un incontro di 1 ora per comprendere che la rivoluzione nell'elettronica stava per avvenire.

la lista dei videogame SunSoft

[via]

categorie: 

sakugabooru

sakugabooru
Sul mitico sakugabooru l'animazione viene sezionata e classificata in comodi tag come ad esempio: mecha, materiali di produzione, casuale, personaggi in azione, creature, genga e settei.

E non mancano i numi tutelari dell'animazione occidentale quali Frank Thomas o Ollie Johnston.

Una risorsa indispensabile e una miniera d'oro trovare riferimenti e ispirazione per fumettisti, illustratori, animatori e game developers.


High Score Girl

High Score Girl
High Score Girl (ハイスコアガ) è un manga di Rensuke Oshikiri tradotto in anime da J.C. Staff.

La storia parte come una commedia romantica degli anni '90 e ruota intorno alla vita del giocatore Haruo Yaguchi, la scena delle sale giochi (ゲームセンタ), e i cambiamenti che si sviluppano nel corso del tempo.

High Score Girl è conosciuto per il suo stile originale, le riproduzioni accurate degli arcade game e dell'hardware e anche la rappresentazione della sottocultura dell'epoca.

myanimelist.net


masayume random kanji flashcard

masayume random kanji flashcard
Un altro progettino settimanale portato a compimento. Si tratta di una web app javascript per l'approfondimento dello studio degli ideogrammi che mostra delle flashcard dei kanji dei vari livelli JLPT da 1 a 5.

masayume random kanji flashcard

Le liste e le informazioni sono state estratte da tangorin.com mediante un tool di screen scraping sviluppato ad hoc in php usando DOMXPath.

Il layout invece, e lo spunto iniziale per la realizzazione tecnica, era stato preso da Random Kanji Card di B.Wilcox.


categorie: 

Yojijukugo - Espressioni Idiomatiche Giapponesi

Yojijukugo - Espressioni Idiomatiche Giapponesi

Yojijukugo (四字熟語) sono frasi idiomatiche giapponesi di 4 caratteri. Tutte le lingue del mondo hanno le loro frasi idiomatiche, che sono spesso difficili da tradurre ("avere il prosciutto sugli occhi"), ma in giapponese si sono divertiti ad aggiungere un vincolo in più: usare 4 ideogrammi. Una tradizione che deriva dal Chengyu cinese.

酔生夢死 "seiseimushi" - chi dorme (e beve) non piglia pesci
一攫千金 "ikkakusenkin" - avere un grosso colpo di fortuna
悪因悪果 "akuin'akka" - chi semina vento raccoglie tempesta
会者定離 "eshajōri" - non c'è incontro senza addio
一石二鳥 "issekinichō" - prendere due piccioni con una fava
一日一歩 "ichinichiippo" - un passo per volta
電光石火 "denkōsekka" - veloce come il fulmine
異体同心 "itaidōshin" - armonia tra due persone
自業自得 "" - si raccoglie ciò che si è seminato
十人十色 "" - ciascuno è diverso dall'altro
起死回生 "" - ribaltare una situazione disperata
我田引水 "" - chi si loda si imbroda

30 awesome Japanese idioms


categorie: 

Hibike! Euphonium Under the Scope

Jack Johnson, nel suo Under the Scope, analizza i motivi per i quali alcuni anime sono delle grandi serie. Il canale si concentra su video saggi e analisi di tutto ciò che riguarda gli anime, dalla loro creazione al loro consumo.

MAL
twitter
patreon


Why Grimgar's Fights Work - The Importance of Weight in Action

UTS' Top 30 Anime Series of All Time (So Far)

Japonisme

Japonisme

Japonisme è un libro della scrittrice anglo-nipponica Erin Niimi Longhurst che esplora l'arte giapponese di trovare la serenità ed include consigli pratici e trucchi
vivere una vita più felice, più sana, e più riflessiva. Su come praticare la consapevolezza nell'imprevedibilità e il caos della vita quotidiana.

A parte questa dimensione di auto-aiuto un po' sospetta, "Japonisme" è una miniera di parole giapponesi interessanti come ikigai (scopo), shinrinyoku (bagno nelle foreste), calligrafia, ikebana per le cerimonie del tè e il loro approccio al cibo, wabi-sabi (la natura transitoria della vita), kintsugi(riparazione di ceramiche rotte con lacca e oro) o kaizen (tecniche per il miglioramento).

I giapponesi hanno imparato a trovare la tranquillità attraverso tradizioni, filosofie e la pratica dell'arte. Mostra come si possano incorporare aspetti della millenaria cultura giapponese nella nostra vita quotidiana.

[via]

categorie: 

Silent Manga Audition

Silent Manga Audition


I manga si diffondono nel mondo ! Il Silent Manga Audition è un premio annuale assegnato agli autori internazionali di manga da una redazione giapponese con emissari in varie regioni del globo. Esistono poi anche delle edizioni EX del premio.

I manga premiati, giudicati da protagonisti assoluti del settore del calibro di Tsukasa Hojo.

il blog
youtube
twitter

Japanese Manga 101 - How to create LIKE A PRO 60+ video


Japanese Manga 101 - #58 Is your idea GOOD or not? - The Magical Test

Japanese Manga 101 - #051 "Ki-sho-Ten-ketsu": 4 part construction practicals

Ensou e l'estetica Giapponese

japanese aesthetics ensou
L'estetica è un ramo della filosofia che esplora la natura dell'arte, della bellezza e del gusto. L'estetica studia come gli artisti immaginano e creano le loro opere d'arte, come le persone usano, godono e criticano l'arte, e cosa succede nella loro mente guardando dipinti, ascoltando musica, o leggendo poesie, mentre comprendono ciò che vedono e ascoltano.

Per lo zen l'Ensou (円相, cerchio) è un simbolo disegnato in uno o due gesti tracciati mentre la mente è libera e la mano scorre. Spesso è scelto per rappresentare l'estetica giapponese e simboleggia l'illuminazione assoluta, la forza, l'eleganza, l'universo ma anche il vuoto (Mu, 無).

Alcuni concetti dell'estetica giapponese sono:
Wabi-Sabi la bellezza delle cose imperfette, temporanee o incomplete. Nella filosofia zen si articola in sette principi:
Fukinsei (不均斉): asimmetria, irregolarità
Kanso (簡素): semplicità
Koko (考古): i segni del tempo
Shizen (自然): naturalezza
Yugen (幽玄): la grazia non enfatizzata, sottilmente nascosta, Datsuzoku (脱俗): libertà dalle convenzioni
Seijaku (静寂): tranquillità e silenzio.

Miyabi (雅): l'eleganza, la raffinatezza, la cortesia. Legato a Mono no Aware (物の哀れ), il pathos delle cose.

Shibui (渋い): la bellezza non appariscente, sottimente nascosta, delle cose naturali.

Iki (粋): è lo stile, la semplicità, la raffinatezza, la spontaneità e l'originalità. E' effimero, romantico, semplice, misurato, audace, intelligente, e assolutamente privo di coscienza di sé.

Jo-ha-kyuu (序破急): è il ritmo che inizia lento, e cresce, cresce ma che ad un certo punto si spezza e termina all'improvviso.

Cultura Giapponese


categorie: