cinema

cinema, film, attori e attrici, registi, clips

Dieci sogni giapponesi

10 nights of dream yume ju-ya

Ten nights of dream () è un film antologico del 2008 basato su dieci racconti dello scrittore Sōseki Natsume pubblicati tra il 1904 e il 1908.

Ognuno dei cortometraggi dura dai 7 ai 13 minuti ed è affidato ad un regista diverso. Ciascun cineasta ha cercato di trasporre la logica e la sintassi di un sogno sulla pellicola, e quindi gli spazi mutano, i tempi si contraggono e dilatano, luci e colori sono vividi e strani, alcuni suoni arrivano ed altri sono sostituiti da appositi quadri come all'epoca del muto. Un paio di segmenti sono addirittura film d'animazione come il settimo, affidato a Yoshitaka Amano.

categorie: 

Porco Rosso non avrai il mio scalpo

kurenai no buta porco rosso miyazaki cineforum nausicaaBeh c'è davvero da perdere tutti i capelli per trovare o riuscire a vedere questo film di Miyazaki, tuttora inedito proprio nel paese che lo ha ispirato. Probabilmente uscirà quando i maiali voleranno (!).

Porco Rosso (, 1992) narra le vicende di un asso della prima guerra mondiale che sorvola l'Adriatico per combattere i pirati dell'aria a bordo del suo monoplano cremisi. E quando c'è qualche ala di mezzo si sa che l'animazione del maestro giapponese decolla verso livelli inarrivabili.

Ebbene il film verrà proiettato in una sala il prossimo 2 aprile al Cineforum Nausicaa a Casalecchio (BO) all'interno di una fenomenale rassegna con i lungometraggi del fondatore dello studio Ghibli seguiti da 5 serate dedicate a Mirai Shonen Conan.

Un appuntamento imperdibile !
Ed è pure gratis !!

- http://www.flashvideo.it/eventi/rassegne/rassegna-530

categorie: 

Locandine cinematografiche

aliens james cameron sigourney weaver movie poster

Internet Movie Poster Awards è un bel sito organizzato in modo semplice che raccoglie locandine cinematografiche americane.

E facile aggirarsi trai suoi link per visualizzare i poster dei film realizzati da un certo attore oppure da un particolare regista, e nella home sono presenti quelli dei film attualmente in proiezione sugli schermi.

Una caratteristica decisamente interessante è quella di poter ricercare per artista/designer.

Aliens

categorie: 

James Cameron's Avatar

avatar neytiriNel '77, quando vide Guerre Stellari e faceva il camionista, James Cameron uscì dalla sala frustrato anzichè meravigliato come il resto degli spettatori. E così decise che avrebbe potuto fare qualcosa di suo, anzi, qualcosa di meglio.

32 anni dopo sugli schermi arriva il suo sogno più sofisticato: Avatar. Una "pellicola" che ti fa sentire parte del futuro, perchè quello che si presenta davanti agli occhi non sembrerebbe essere possibile con la attuale tecnologia. E non c'è da stupirsi che alla WETA, la compagnia di effetti speciali fondata da Peter Jackson per Il Signore degli Anelli, sia avvenuto un vero e proprio pellegrinaggio di grandi registi, tra cui lo stesso Jackson, Spielberg e Soderbergh, per capire e imparare il cinema del domani inventato dal cineasta canadese con l'aiuto di un bel po' di tecnici in giro per il mondo.

Una carriera adrenalinica, la sua, nella quale giocarsi sempre il tutto per tutto è parte imprescindibile del gioco. Dove la puntata più alta, la storia di un transalantico (quasi) inaffondabile, lo vedeva già sconfitto in partenza. Era senza paga dopo aver passato settimane di notte su una gru a girare l'affondamento, i critici che si divertivano a scrivere sarcastici epitaffi per questo arrogantello impudente e con i contabili a cercare di quantificare le perdite in denaro per quello che sarebbe poi divenuto il più alto incasso della storia del cinema.

In Avatar non è la storia avvincente, non è il 3D, non sono gli attori e i loro personaggi, non è il pianeta Pandora e la sua fauna e flora stupendi, non sono i panorami degni delle illustrazioni di Roger Dean e non sono nemmeno questi meravigliosi tigrotti blu alti tre metri. E' James Cameron, ancora una volta re del mondo, che brilla di luce propria e che torna a ricordare a tutti quanto sia meravigliosa la macchina del cinema se nelle mani di qualcuno che ne ha una così profonda comprensione. Chi lo ha seguito lungo la sua carriera fatta di pochi film e grandi successi si troverà a casa. C'è Sigourney e ci sono i powerloader, in questo nuovo Aliens, stavolta dalla parte degli alieni.

E all'orizzonte un piccolo angelo arrabbiato è più vicino.

Approfondimenti:

Project 880 ( lo script originale - major spoilers ! )
Pandorapedia
Il linguaggio Na'vi

a short history of CG characters in movies from lnrdshelby on Vimeo.

categorie: 

Il cielo di Tokyo

tokyo sora

Sei donne vivono le loro vite tranquille e normali a Tokyo. Le possiamo osservare compiere i loro gesti, il loro destino si incrocia subdolo e sottile mentre una storia narrata in modo non convenzionale si dipana sullo sfondo, sotto al cielo della città.

Un cielo sempre presente ed immutabile, impassibile testimone del lento scorrere del tempo. La dimensione quotidiana restituita con efficacia sullo schermo anche allo spettatore che assiste allo svolgersi degli eventi con lentezza quasi documentaristica, in modo che questi risuonino nel vissuto di ciascuno.

Tokyo Sora

categorie: 

Un Master in Animazione: Richard Williams


Richard Williams è stato responsabile dell'animazione di "Who Framed Roger Rabbit" ed ha insegnato nelle sue masterclass alla nuova generazione i trucchi dei maestri. Il suo corso "Animator Survival Kit" è su un libro assolutamente da non perdere ed anche in un boxed set di 16 DVD da 1000$ che però vale ogni cent per quanto risulta essere illuminante.

categorie: 

Una commedia romantica. Con gli zombi.

shaun of the dead

Shaun of the Dead non è affatto il solito film di zombi. Nella pellicola diretta da Edgar Wright nel 2004 (nei migliori 250 su imdb) l'"epidemia" si insinua nei sobborghi di Londra in modo abbastanza subdolo, e il protagonista, in compagnia dell'immancabile amico casinista e della sua ragazza un po' in crisi, dovrà fare i conti con i morti che camminano armato in pratica solo della sua fida mazza da... cricket.

Simon Pegg ("Star Trek", "How to lose friends and alienate people") interpreta il protagonista e scrive con l'amico regista una strepitosa commedia che si fa beffe di luoghi comuni cinematografici USA, di quelli tipici del genere e della società in generale, esattamente in tema con il film originale del 1970, proprio il suo anno di nascita.

Il tutto condito da un perfetto humor inglese. E il bello è che il gruppo di lavoro sforna progetti uno dietro l'altro, un po' alla Monty Python.

Shaun Of The Dead Trailer

Don't Stop Me Now

categorie: 

Biancaneve in Blu Ray

biancaneve blu ray
Al centro di tutto il mondo dell'animazione da sempre c'è la Disney, e al centro dell'immaginario Disney c'è la più bella e importante delle sue principesse: Biancaneve.

La prima del film ha avuto luogo al Carthay Circle Theatre, quattro giorni prima del Natale del 1937, sono trascorsi più di 70 anni. E' stato il primo lungometraggio della storia dell'animazione ed ha influenzato per decenni centinaia di artisti in questo ed altri campi.

L'edizione in blu ray è stata completamente restaurata e rimasterizzata con le più moderne tecnologie digitali e contiene un virtual tour degli Hyperion Studios, dove fu creata la magia spendendo allora l'astronomica cifra di 1 milione e mezzo di dollari. Un vero e proprio "all in".

Ma il contenuto forse più speciale è il commento audio di Walt Disney in persona, reso possibile dalla raccolta di tutte le sue interviste sul film, che vinse anche un oscar speciale accompagnato da sette più piccoli.

categorie: 

Oppai Volleyball

oppay bare volleyball

Oppai Volleyball (おっぱいバレー Oppai Baree) è un delizioso filmetto vagamente basato su una storia vera accaduta in Giappone nel 1970, ma riambientato nel 1979 per avere una colonna sonora migliore.

La giovane insegnante di letteratura Mikako arriva nella nuova scuola e accetta di fare da supervisore al club di volley, che purtroppo conta solo 5 membri il cui hobby è buttarsi dalle colline più impervie su qualunque trabiccolo perchè la leggenda narra che oltre gli 80 km/h (oltre che viaggiare nel tempo, ovviamente) il vento sul palmo possa far cogliere la sensazione di palpare una tetta (oppai, appunto).

Per motivare i cinque (più uno) ragazzi in piena crisi ormonale la professoressa si ritroverà semi-estorta la promessa di rimanere a seno nudo di fronte a loro se riusciranno a vincere almeno una partita ai campionati regionali.

Haruka Ayase interpreta la prof. Mikako Terashima

categorie: 

Tokyo!

tokyo gondry carax
Tokyo! è un film in tre parti ambientato nella capitale giapponese e diretto da tre registi visionari.

Apre le danze Michel Gondry ("Eternal Sunshine") con un episodio ironico e originale e una conclusione decisamente a sorpresa intitolato "Interior Design" e interpretato dalla protagonista di "Shiki Jitsu": Ayako Fujitani.

Nel secondo, "Merde", di Leos Carax, uno strano elfo esce dalle fognature e sparge il panico nella città.

Il terzo, "Shaking Tokyo", diretto da Joon-ho Bong è il più poetico dei tre e mostra cosa succede ad un hikikomori (un autorecluso che evita di uscire e il contatto con gli altri) quando la ragazza che consegna le pizze sviene proprio sul suo uscio.

Tokyo! @ imdb

categorie: 

Tre regni

romance of three kingdoms
Il romanzo dei tre regni approda al cinema in una edizione sontuosa diretta da John Woo e finalmente si può vedere sul grande schermo la famosa saga che in occidente era stata resa famosa da uno degli strategici più belli e longevi di tutti i tempi: Romance of Three Kingdoms di Koei (la cui prima edizione è oramai disponibile come abandonware).

La vicenda ripercorre gli eventi che vanno dal primo al terzo secolo dopo Cristo, quando i tre regni combatterono tra loro fino alla conquista da parte di Qin e l'unificazione della Cina. Durante la rivoluzione culturale il romanzo, che è tra i più famosi di tutta l'Asia, era considerato retaggio di un passato da cancellare, ma ora che il drago è vivo e soffia insieme a noi è invece ben visto dal governo e le origini eroiche della nazione vengono usate per creare una identità culturale rinnovata.

categorie: 

Crows Zero

kurozu zero crows takashi miike
Cerimonia di apertura alla Suzuran, la scuola superiore più violenta del Giappone. Il prof viene immediatamente scalciato via dal protagonista, che lancia la sua sfida sibilando al microfono. Ed è subito rissa. Nessuno è mai riuscito a unificare tutte le bande della scuola. Intanto la yakuza si presenta con tanto di mazze da baseball nel cortile. Stacco su un'altro studente in motorino inseguito come al solito dalla polizia, si dirige proprio alla Suzuran, dove arriva alla fine della rissa con gli yakuza, che sono stati pestati per bene dall'aspirante re.

E tutto questo prima dei titoli di testa.

Crows Zero (クローズ ZERO) è il 74° film di Takashi Miike (in 18 anni !) ed è tratto dal famoso manga di Hiroshi Takahashi. Una storia di ribellione ben congegnata dove volano legnate su legnate, il ritmo incalza e succedono parecchie cose interessanti.

categorie: 

Waiting in the Dark

waiting in the dark
Waiting in the Dark (いところでわせ, Kurai tokoro de machiawase) è un thriller romantico con una vulnerabile ragazza non vedente, un assassinio e un silenzioso fuggiasco. L'azione si svolge in tre tempi, con la lentezza tipica di un film asiatico. Lo spettatore viene catturato in questo mondo di luce e buio, tratteggiato con brevi dialoghi, e grazie ad ottime inquadrature sembra proprio di entrare nella casa della protagonista e vivere i suoi timori, i suoi dubbi e le sue paure.

La scheda, imdb.

categorie: 

I Visitors a Johannesburg: District 9


district 9 peter jackson neill blomkamp
Questa volta l'astronavona aliena snobba i grattacieli di New York e la torre di Tokyo e decide di piantarsi per 20 anni nei cieli sopra Johannesburg.

Lo strepitoso cortometraggio di Neill Blomkamp diventa un film prodotto da Peter Jackson: District 9. La cosa stupefacente è quanto il look and feel del film ricordi Half Life 2. Molti elementi del capolavoro di Valve si rispecchiano, forse per puro caso, nella pellicola del regista sudafricano e in qualche modo la vicenda sembra svolgersi in un altra parte del mondo dove vive Gordon Freeman.

La trama ovviamente non ha niente a che vedere con il videogame, e risulta davvero intrigante, con un clamoroso crescendo che rende District 9 da non perdere.

Il sito ufficiale contiene un sacco di materiale extra che fa capire lo sforzo produttivo.

categorie: 

500 film da non perdere


apartment appartamento Jack Lemmon
Empire ha compilato una interessante lista dei 500 migliori film di tutti i tempi. E' sempre opinabile la scelta di una pellicola o dell'altra, ma certamente scorrendo l'elenco quasi interminabile si scoveranno titoli imperdibili, o si ricorderanno pellicole memorabili che ogni volta che passano sul piccolo schermo tengono accalappiati fino alla fine, nonostante si possano doppiare oramai interi brani dei dialoghi a memoria.

Jack Lemmon ne "L'appartamento" (12° posto)

categorie: 

Tutto sullo Studio Ghibli


grave fireflies isao takahata ghibliThe Ghibli Blog mette il naso dietro le quinte dello studio di animazione di Hayao Miyazaki e Isao Takahata ed offre un vero tesoro di fenomenali immagini, trailer, poster e notizie dal mondo di Totoro e di tutti gli altri gloriosi film del duo giapponese.

C'è tutta la storia che precede l'esordio nei cinema di Nausicaa e si arriva fino agli incassi del weekend di Ponyo.

Yoshifumi Kondo: storyboards per "Una Tomba per le Lucciole"

categorie: