cultura

letteratura ed altro

意味 - imi: senso, significato

imi 意味 sense meaning
意味 (imi), due kanji insieme per "senso, significato". In inglese: "meaning". Come al solito guardare l'accostamento di due ideogrammi dove il primo vuol dire "idea" e il secondo "sapore" serve solo per riuscire ad osservare questa parola così importante da un punto di vista diverso.

Il concetto di "significato" è cruciale in semiotica, linguistica, psicologia, sociologia e filosofia.

E' attraverso questo "sistema convenzionale di riferimenti" tra i pensieri e le cose che siamo davvero in grado di esprimerci con un linguaggio, e di elaborare, concatenare, prefigurare, cogliere, dedurre, inventare. Quantomeno fino a Wittgenstein.

Ne consegue che un numero maggiore di riferimenti (insomma parole, ovvero conoscenza del dizionario) ci consentirà di indirizzare più dettagli e comprendere meglio i meccanismi che regolano il mondo intorno a noi. E forse in qualche modo a navigarlo, e a sfruttarlo a nostro vantaggio. Al contrario, un numero minore di parole ci rende impossibile capire e ci obbliga ad affidarci completamente a qualcuno che lo abbia fatto per noi, sperando che sia in buona fede (auguronii !).

Il tutto per suggerire che l'abitudine di chiederci, tra noi, "questo cosa significa ?" può essere un esercizio sorprendente e molto utile.

Ma... The Paradoxical Secret to Finding Meaning in Life

Però... Our Brains Tell Stories So We Can Live


categorie: 

La Teoria dei Grafi

graph theory

In matematica, la teoria dei grafi studia le strutture matematiche utilizzate per modellare le relazioni a coppie tra oggetti. Un grafo in questo contesto è costituito da vertici, nodi o punti collegati da bordi, archi o linee.

- Wikipedia

D3 Graph Theory è un progetto rivolto a chiunque voglia imparare la teoria dei grafi. Fornisce un'introduzione rapida e interattiva all'argomento direttamente online. La grafica utilizzata nel progetto lo rende un efficace strumento di apprendimento.

E' un progetto open-source: il codice su GitHub.


categorie: 

Jorge Luis Borges

Lo scrittore argentino Jorge Luis Borges ha letto avidamente e scritto con il suo stile del "realismo magico" di labirinti, sentieri del destino che si biforcano, e del concetto di infinito.

E' stato molte cose, e tra queste anche un personaggio (sé stesso) del fumetto Perramus di Sasturain e Alberto Breccia.

il libraio
Le poesie più belle di Jorge Luis Borges
poetry foundation
video intervista (1980)
biografia


categorie: 

Ontologia

Parmenide Ontologia
L'Ontologia è una delle branche fondamentali della filosofia, è lo studio dell'essere in quanto tale, nonché delle sue categorie fondamentali, una "fenomenologia dell'essere", esplorazione di quel che "è" per come esso si rivela.

Parmenide è considerato il padre dell'Ontologia. Per Parmenide la dimensione ontologica risulta preponderante, al punto da sottomettere a sé ogni altro aspetto filosofico, compreso il pensiero stesso. Dinnanzi all'Essere, il pensiero può dire soltanto che "è". Qualunque altro predicato si voglia assegnargli, significherebbe oggettivarlo riducendolo a un'entità particolare: sarebbe un pensare il falso e quindi il non-essere; ma poiché quest'ultimo non è, il pensiero diverrebbe perciò inconsistente e cadrebbe nell'errore. Anche i cinque sensi, secondo Parmenide, attestano il falso, perché sono vittime di un'illusione, facendoci credere che il divenire esista.


categorie: 

Dire Quasi la Stessa Cosa

Dire Quasi la Stessa Cosa
Cosa succede quando si "canna" un adattamento o una traduzione ? Quando due culture entrano in collisione invece che in contatto ?

Succede che può cominciare un processo estremamente interessante in grado di farci uscire fuori della sfera del nostro linguaggio e svelarci i meccanismi dei nostri sofisticati sistemi di comunicazione, che sono le regole che governano il mondo non naturale.

Non è quindi una semplice questione di anime (in senso di animazione giapponese), ma in fondo si tratta proprio di anime umane.

"una traduzione non è solo un affare di comprensione linguistica ma anche di interpretazione testuale".

"una interpretazione testuale non è solo un affare interno al testo, ma ci rinvia a mondi possibili".

"in una traduzione è legittimo violare i principi della sinonimia e persino dell'esattezza del riferimento [..] pur di produrre nel lettore della lingua di destinazione lo stesso effetto."

- Umberto Eco

Semantica
Semiologia
Semiotica
Figure Retoriche

Gli sconcertanti adattamenti italiani dei film Ghibli

[via]

categorie: 

Gwern Branwen

Gwern
Gwern Branwen è lo pseudonimo di un ricercatore molto attivo su internet che si è occupato di dark web e cryptocurrencies, microdosi di LSD e anime. La sua incessante curiosità e la propensione a cercare di comprendere sistematicamente argomenti anche molto complessi lo ha portato a scrivere quasi 100.000 contributi su wikipedia, ha contribuito a Wired e ha realizzato molti progetti con una precisione ed una scala che farebbero pensare ad un collettivo di ben più di una persona.

GPT-2
links

Making Anime Faces
tagged anime
Danbooru 2018

The Melancholy of Kyon
Whe Should I Check the Mail
AIs: the Power of Agencies

prediction book
patreon
github
revolvy
quora


Poliedra

Poliedra

Polyhedra raccoglie in una comoda interfaccia web molto intuitiva tutti i solidi platonici, i solidi archimedei, i prismi, dodecaedri ecc.

Navigare nelle voci dei menu permette di imparare i nomi esotici di queste figure 3D, classiche primitive per la modellazione tridimensionale.

E' possibile applicare operazioni anche non banali di trasformazione della superficie, rotazioni stile cubo di Rubik, aumenti e diminuzioni. Ed è utilissimo potersi scaricare il risultato dell'elaborazione in formato JSON e obj.

un icosaedro di esempio


Claire Evans

Claire Evans Broad Band

Claire Evans è una scrittrice e musicista. E' la cantante e coautrice del gruppo pop YACHT. E' stata redattrice di Motherboard, scrive per VICE, Rhizome, The Guardian, WIRED e Aeon.

Il suo pezzo cosa è successo al cyberpunk sollecita una riflessione su un genere, uno stile che, trascorsi quasi 40 anni dalla sua nascita, trae una strana energia anche dalla dicotomia tra futuribile e retro.

twitter


categorie: 

Explaining Computers



Christopher Barnatt, che ha insegnato informatica e studi futuri all'Università di Nottingham per 25 anni, carica ogni settimana i suoi video su Explaining Computers. Il professor Barnatt ha scritto tredici libri tra cui "Digital Genesis: The Future of Computing, Robots and AI", "3D Printing" e "The Next Big Thing".

sito ufficiale
twitter
facebook


categorie: 

Ouroboros

ouroboros
Ouroboros è un antico simbolo raffigurante un serpente o drago che mangia la propria coda. Originario dell'antica iconografia egizia, l'ouroboros è entrato nella tradizione occidentale attraverso la tradizione magica greca ed è stato adottato come simbolo nello gnosticismo e nell'ermetismo e soprattutto nell'alchimia.

Il termine deriva dal greco antico: οὐροβόρος, da οὐρά (oura, "coda") e βορά (bora, "cibo"). E' un simbolo molto affine al concetto di "senza fine" che caratterizza la generazione procedurale.


categorie: 

Chernobyl HBO



Il numero di cose di grande interesse sulla miniserie HBO ispirata al disastro di Chernobyl è praticamente infinito, non a caso sono state realizzate diverse puntate companion del podcast ufficiale. Ma basta sapere che, come si capisce immediatamente dallo spettacolare e sinistro trailer, è scritta in modo eccellente ed aderentissimo ai fatti accaduti realmente, è girata alla perfezione ed interpretata in modo magistrale da Jared Harris, Stellan Skarsgard e Emily Watson. La serie è schizzata immediatamente in testa alla classifica delle migliori mai realizzate e ha avuto un enorme riscontro di pubblico.

Si tratta della più grave catastrofe creata dall'uomo, avvenuta realmente all'1:23:45 della notte del 26 aprile 1986, al confine tra Ukraina e Bielorussia, quando ancora esisteva l'Unione Sovietica. Il nocciolo del reattore della centrale nucleare rimase esposto per giorni, durante i quali l'emissione di radiazioni equivaleva a due esplosioni di Hiroshima, ogni ora. Le misure e gli eroici sacrifici necessari per rimediare ad un disastro di tale portata furono devastanti e incommensurabili, e ancora oggi il sarcofago che rinchiude quello che resta delle 200 tonnellate di combustibile fissile altamente radioattivo durerà per soli altri 100 anni.

the moscow times
Valery Legasov
Legasov's indictment of Chernobyl management
Chernobyl miniserie


categorie: 

Fantasista Utamaro ラッキー☆オーブ feat. 初音ミク



Fantasista Utamaro, direttore di animazione, illustratore, designer, textile pattern artist e art director, realizza "Lucky Orb", il video del 5° Miku Expo, che quest'anno si terrà a Taiwan e Hong Kong. E la canzone è di emon.

La nostra ologramma preferita, la geisha del 2000, idol e pop star, al centro di un diagramma di Venn nel quale si sovrappongono tutte le spettacolari dicotomie del Giappone, non perde colpi e continua a macinare video ed eventi, ora nelle mani di alcuni dei più famosi artisti contemporanei, curiosi di cimentarsi con la prima icona virtuale della storia.

Hatsune Miku


Dragon's Lair Legacy by Harris Bomberguy



Harris Bomberguy (non proprio il suo vero nome, ma quasi) crea video su youtube che cercano di essere divertenti e intelligenti, di far passare un punto importante ma senza essere noiosi o pomposi. Una ricetta fatta di semplice buonsenso, ma realizzarla non è affatto facile. Soprattutto quando poi si distrugge una serie molto amata.

patreon

[via LMB]

categorie: 

Bland Tomtar och Troll

Bland Tomtar och Troll
I Svezia, da oltre un secolo, viene pubblicato ogni natale "Bland Tomtar och Troll" ("Fra gnomi e troll"), una collana di racconti e fiabe del folklore scandinavo.

Ideata nel 1907 dall’editore Erik Åkerlund raccoglie i migliori artisti svedesi. Il primo fu John Bauer (1882-1918), seguito da Aina Masolle (1885-1975), Gustav Tenggren (1896-1970), Einar Norelius (1900-1985) e Hans Arnold (1925-2010).

animationresources.org
L'elenco su SEMIC

[via]

categorie: 

Lo stato delle community artistiche su internet

artsy art communities
Loish ha parlato con Kelsey Ables di Artsy della parabola delle community artistiche su internet.

Dal 1992, anno del caricamento della prima foto sul web, c'è stata una esplosione di immagini, opere e capolavori accessibili istantaneamente da ogni parte del mondo, la scoperta di artisti altrimenti nascosti e forse impossibili da scovare, ma ora le cose si stanno ingarbugliando e stiamo assistendo ad una netta involuzione.

La commercializzazione e gli inevitabili meccanismi economici dietro ai "big player" hanno fatto sì che l'apprezzamento e le interazioni (engagement) spesso si riducano a meri "like" e vuoti cuoricini, e le opere vengano esposte in mezzo a piatti di pasta e foto delle vacanze. Lo spazio per una critica costruttiva e commenti sensati si è ridotto e viene oscurato dal rumore assordante di internet.

[via]

categorie: 

Pages