anime

animazione giapponese

Minami-ke

Minami-ke (la famiglia Minami) e' un anime dove le tre sorelle protagoniste vivono le loro avventure quotidiane narrate in maniera straordinaria, con frequenti rimandi allo stile e alle tecniche di altri anime di genere anche molto diverso.

Il manga che ha ispirato la trasposizione animata e' stato creato da Koharu Sakuraba. Haruka, la sorella maggiore, e' dolce, riflessiva e un po' svampita. Kana e' il motore comico, con il suo carattere istintivo e alla nitroglicerina. Chiaki e' la minore, ed e' la piu' perfida e acuta del gruppo.

Ne sono state realizzate tre serie, prodotte da due diversi studi, a partire dal 2007:

Minami-ke
Minami-ke Okawari
Minami-ke Okaeri

categorie: 

anime favorites 2008



Hashihime ha compilato la lista dei suoi anime preferiti del 2008. Una guida molto utile per orientarsi in un mare di produzioni.

Kannagi -- capolavoro di moe dal regista cattivo Yamamoto Yutaka. Animazione eccellente e molto divertente.
Toradora -- la seconda parte di questa serie va ancora migliorando, con personaggi per i quali si stabilisce un interesse, soprattutto la tigrotta tascabile.
True tears -- una storia commovente e profonda.
EF melodies -- uno stile visivo stravagante per una serie per certi versi superiore al manga che l'ha ispirata.
Vampire Knight Guilty -- un dark shoujo che percorre la moda lanciata in occidente da "Twilight".
Candy Boy -- un meraviglioso mondo tra commedia e sentimento.
Macross Frontier -- Una serie piu' spettacolare che sentita. C'e' abbastanza materiale per renderla comunque interessante.
Tytania -- La classica space opera che si sviluppa lentamente su vasta scala, con personaggi interessanti e che interagistono in modo intrigante.

categorie: 

Studio 4c



Eiko Tanaka ha lavorato con Miyazaki a Totoro e Kiki, poi insieme a Koji Morimoto fonda lo Studio 4C (la temperatura alla quale l'acqua e' piu' densa), che si distingue per originalita', dinamismo e potenza visiva. Vengono creati alcuni strepitosi video per star di prima grandezza della scena giapponese, e il crescendo continua con 5 segmenti di Animatrix. Infine il premiatissimo Tekkonkinkreet.

Tsukiyo No Ban Ni
Eternal Family
Touchy

categorie: 

Oggi e' il giorno piu' divertente - Yotsuba &



L'immagine qui sopra mostra i ben noti Totoro e Guu con una bambina dai capelli verdi. Il terzetto e' stato realizzato dall'autore per mettere insieme tre personaggi mitici, ma la terza non e' cosi' nota al grande pubblico, e per il momento e' ancora un manga in attesa di diventare una serie animata.

Si chiama Yotsuba, e' una ragazzina di 5 anni con un carattere molto speciale, ed e' il suo modo di vedere il cose, tutte come se fosse la prima volta, che scatena un umorismo irrefrenabile. Nonostante la sua eta' infatti, non conosce il campanello, non sa come funziona un'altalena, per lei le scale mobili sono un minaccioso mostro meccanico. La sua reazione naive ci fa aprire gli occhi sulle cose incredibili che ci circondano.

Yotsuba (quadrifoglio) e' stata creata dal genio iconoclasta di Kiyohiko Azuma, autore del venerato Azumanga Daioh, e gia' questo e' una garanzia. Guardando le quattro ciocche della protagonsita è difficile non pensare a Chiyo Chan.

interview
danbooru
azumanga.wikia
wikipedia
yotuba.com
urban sketches


categorie: 

xxxHolic

xxxHolic ("holic" indica dipendenza e "xxx" sta per variabile) e' una delle ultime produzioni CLAMP, il vulcanico gruppo di mangaka creatrici di RG Veda e Cardcaptor Sakura.

Anche questa volta la storia e' permeata da un elemento soprannaturale. Kimihiro e' un giovane allampanato che vive circondato da visioni di spiriti, un giorno, passando di fronte ad uno strano tempio, si ritrova a parlare con Yuuko, una strega in grado di esaudire un desiderio, a patto che le venga dato qualcosa di valore equivalente in cambio.

La serie ruota intorno alla parola hitsuzen, che non presenta una traduzione percisa, ma significa destino, fato, nel senso di inevitabilita'. Non esistono coincidenze, solo catene di cause ed effetti, questo e' l'hitsuzen.

Yuuko e Kimihiro © 2006-2008 CLAMP

Gundam



Quest'opera di Tenmyouya Hisashi ritrae Gundam su lamina d'oro e ne enfatizza l'origine samurai. E' stato battuto all'asta per 600.000$. (qui una interessante intervista all'autore)

A questo punto Gundam, protagonista di innumerevoli serie in patria che sono iniziate ai tempi di Goldrake e continuano ancora oggi a distanza di 30 anni, assurge al rango di cult assoluto, dopo avere dominato l'immaginario collettivo di piu' di una generazione.

RX-78-2 Kabuki-mono 2005 Versio © 2005 Tenmyouya Hisashi
[via sankaku complex]

categorie: 

Mushishi

Cosa succederebbe se le avventure di una sorta di John Constantine fossero narrate alla maniera di Miyazaki, in un mondo dove gli spiriti siano ovunque e ci sia un gran bisogno di qualcuno in grado di risolvere i "problemi" causati dagli strani incontri con gli umani ?

La risposta la da' una giovane mangaka di nome Yuki Urushibara, con una serie subito trasposta in animazione: Mushishi (Il Signore dei Mushi). In ogni episodio c'e' la bellezza di un cortometraggio e si viene avvolti dalla sensazione di una trama creata con elementi nuovi, o solo raramente sperimentati finora.

Mushishi © 1999-2006 Yuki Urushibara

categorie: 

Il Quaderno della Morte

Death Note e' un manga, un anime in 37 episodi e una serie di film per il cinema. Un quaderno nero viene lasciato cadere sulla terra (queste cose succedono sempre e solo in Giappone !) e viene raccolto da uno studente geniale ma terribilmente annoiato di nome Light. Scrivendo il nome di qualcuno sulle pagine questi morira' nel giro di 40 secondi. Il piano di Light, ingenuo ma terribile, e' di uccidere tutti i criminali per creare un mondo migliore. Questa semplice premessa e' l'inizio di una sfida di intelligenza tra lo studente e il migliore aiutante della polizia, L, deciso a fermare il piu' terribile assassino seriale mai esistito.

Il protagonista della storia e' tutt'altro che un personaggio positivo ed e' molto intrigante quanto ogni azione venga compiuta pensando a come verra' letta dall'avversario e quali saranno le sue conseguenze, esattamente come in una partita a scacchi.

Light e Ryuk © 2006 Madhouse

categorie: 

5 centimetri al secondo



I banchi di scuola risplendono al sorgere del sole prima che gli alunni arrivino in classe, al tramonto un treno rallenta a causa di una bufera di neve, in mezzo alla campagna di notte le luci lontane della citta' sembrano stelle molto vicine. Un ragazzo e una ragazza iniziano a conoscere i tormenti del cuore ma sono destinati a rimanere lontani e a comunicare solo per lettera, telefono o cellulare.

5 centimetri al secondo e' la velocita' con la quale cadono i petali di ciliegio. Forse e' anche la velocita' alla quale due cuori si allontanano, fino a perdersi.

Byousoku 5 cm © 2007

categorie: 

Seirei no Moribito

Nahoko Uehashi e' la scrittrice del libro da cui e' tratto questo eccezionale anime: Seirei no Moribito (Il Guardiano dello Spirito Sacro), diretto da Kenji Kamiyama e prodotto da I.G.

La storia ruota intorno ad una indomabile guerriera che si ritrova a fare da madre per il giovane erede al trono imperiale, condannato a morte per la possessione da parte di uno spirito che si ritiene possa causare una devastante siccita'. Aiutati da un guaritore innamorato e un'anziana sciamana molto spiccia attraverseranno impervie montagne e risaie in fiamme al sole del tramonto in una terra divisa in due, dove il mondo spirituale coesiste con quello materiale.

Un capolavoro fantasy dove usi e costumi ispirati al Giappone medievale fanno da sfondo ad una vicenda complessa piena di personaggi interessanti.



OP: Shine

ED: Itoshii hito e

Appleseed: Ex Machina

John Woo e' il produttore dell'ultima incarnazione sul grande schermo di Appleseed: Ex Machina.

Deunan e Briareos stavolta vedono la loro consolidata partnership messa alla prova in modo insolito dall'arrivo di un Bioroid sperimentale di nome Tereus.

La realizzazione, come al solito per questa serie, e' ibrida, completamente in 3D per mezzi, corpi ed ambienti, ma quando ci sono in campo capelli o primi piani del viso fa capolino quel pizzico di cel shading che richiede il look anime. Il risultato e' decisamente spettacolare.

Appleseed: Ex Machina 2007 © Warner

categorie: 

Tekkon Kinkreet



Due ragazzi girano per le strade di Treasure Town per cercare di rompere le scatole a tutti i bulli e gli yakuza che riescono a scovare. La minaccia di radere al suolo il loro territorio per fare spazio ad un parco di divertimenti è la sfida più difficile che abbiano affrontato e che farà emergere la loro natura diversa e complementare: gentilezza contro distruzione.

"Tekkon Kinkreet" è un lungometraggio basato sul manga di Taiyo Matsumoto e realizzato dal regista ed esperto di effetti speciali Michael Arias, che vive e lavora in Giappone.

Tekkon Kinkreet 2006 © Sony

categorie: 

La Ragazza che Saltava nel Tempo



"Toki wo Kakeru Shoujo" ("ToKiKaKe") è un film d'animazione diretto da Mamoru Hosoda basato su un libro e che era già diventato un manga ed una serie TV. Makoto Konno è una ragazza che frequenta il liceo e che si diverte al campo da baseball con un paio di compagni. Un periodo magico della giovinezza nella quale potenzialmente tutto ancora può succedere e non c'è ancora alcun rimpianto. Un giorno Makoto impara a saltare indietro nel tempo si innescherà una catena di conseguenze significative che la porteranno a vivere l'estate più bella nella sua vita, quella che porterà per sempre in fondo al suo cuore.

Toki wo Kakeru Shoujo 2006 © Madhouse

categorie: 

Monster

Monster è un anime basato sul seinen manga di Naoki Urasawa che si svolge in Germania nel periodo che precede di poco la caduta del muro. La storia prende spunto da un incidente che porta un bambino con un proiettile in testa sul tavolo operatorio di un geniale chirurgo che riesce a salvargli la vita. Errore fatale, perchè il bambino è destinato a diventare l'incarnazione del male assoluto.

I personaggi, inizialmente piatti, mano a mano che la storia procede vengono approfonditi con stupefacente cura, ed ogni episodio aggiunge una preziosa tessera al puzzle. Una storia intrigante che nonostante si snodi lungo olre 70 episodi riesce a far restare avvinghiati alla poltrona per molte serate.

Kenzo Tenma & Johann from Monster

categorie: 

Ricerca Vocale

C'è un modo un po' speciale per scovare anime interessanti, adatto agli otaku (o quasi): sfruttare il prodigioso lavoro dei attori giapponesi.

Partendo da una serie che si è molto apprezzata basta un giretto sul mai troppo lodato anidb per scovarne i doppiatori. La curiosità di sapere quali altre serie siano collegate grazie alla caratterizzazione vocale dei personaggi preferiti nasce quasi spontanea, e si creano degli interessanti cortocircuiti tra storie aliene ma nelle quali fanno capolino archetipi simili. Per questo torna utile: Anime News Network. Le serie qui a fianco hanno in comune la voce di Houko Kawashima.

Sango (Inuyasha), Clare (Claymore), Isako (Dennou Coil), Kagura (Azumanga Daioh), Jeanne (Kamikaze Kaitou Jeanne), Tomoyo (Clannad)

categorie: 

Una bionda in berserk - Claymore

Alcuni anime, all'occhio poco attento, potrebbero sembrare inutilmente violenti ed esagerati. Mentre in occidente le trame sono spesso intrecci scritti con l'equilibrio di uno chef nella sua cucina, dosando con cura gli ingredienti, in Giappone invece certe serie sono esercizi di giocoleria con motoseghe (accese). L'eccesso diventa regola e la storia funziona comunque tra iperboli epiche degne di altri tempi.

Claymore, basata sul manga di Norihiro Yagi, ripercorre le orme di Berserk, sia come temi che come struttura narrativa e il risultato è coinvolgente. La bionda protagonista, in parte umana e in parte demone, deve lottare contro nemici agguerriti ma anche contro la parte mostruosa di se stessa, pronta a prendere il sopravvento. Non sarà la trama più originale, anzi, ma è certamente narrata con passione e animata in modo efficace.

Il manga originale, come spesso succede, surclassa l'animazione in tutto. E si colloca all'istante tra i grandi classici del genere di combattimento.

Clare © Norihiro Yagi


opening: Raison d'Etre

ending: Danzai no Hana

AMV

categorie: 

Dennou Coil

Mitsuo Ito ha al suo attivo collaborazioni con le serie di anime più interessanti degli ultimi anni, ovvero: Ghost in the Shell, Porco Rosso, Only Yesterday, Neon Genesis Evangelion. Si va quindi da Miyazaki a Shirow, passando per Ideaki Anno. Tre maestri dallo stile così diverso che sembrerebbe impossibile coniugare in un solo lavoro influenze così complementari.

A Ito, grazie a 10 anni di lavoro, riesce il miracolo con una serie incredibile, già di culto dopo 6 mesi dalla messa in onda, che porta lo spirito di Totoro in una pirotecnica guerra cyberpunk tra ragazzi: Dennou Coil.

Ambientata 20 anni nel futuro in una città fittizia, la vicenda prende lo spunto da particolari occhiali che permettono di interagire con il cyberspazio grazie alla "augmented reality" (una tecnologia che già esiste).I protagonisti girano con i loro famigli virtuali, di cui si devono prendere cura per difenderli da pericolosi virus e misteriose crepe nella fibra dello spazio circostante. L'avventura si anima grazie a spettacolari tecniche di hacking, visibili direttamente nel mondo reale grazie ad uno script perfetto. La spirale del titolo si riferisce ad un fenomeno pericoloso che rischia di bruciare il cervello dei giovani netrunner attraverso i loro occhiali.


Dennou Coil - Prism (Full)

ending: Sora no Kakera

Dennou Coil - Opening [ITA]

Dennou Coil OST Yuukjou

categorie: