masayume's blog

Artistic Intelligence

neural art
Il laboratorio Bethge si trova a Tubinga, in Germania e svolge ricerche al confine tra intelligenza artificiale e neurologia.

In particolare si studia il comportamento della percezione visiva facendo uso di metodi di apprendimento computazionale e reti neurali.

Nell'immagine a fianco si vede come il progetto "A Neural Algorithm of Artistic Style" (L. A. Gatys, A. S. Ecker, M. Bethge; qui il paper ufficiale) riesca, facendo uso di "deep neural network", a separare lo stile dal contenuto di immagini arbitrarie e quindi ad applicare ad una fotografia lo stile caratteristico di determinati pittori famosi.

Un risultato che credo possa sembrare ben più che straordinario anche a chi è un profano di information technology.

Matthias Bethge
codice
software
workshops

NEW: il codice sorgente (GPU only)
codice (CPU)


categorie: 

Life gamification: Habit RPG

habitrpg


Habit RPG trasforma la propria vita in un gioco di ruolo. Ogni attività significativa come alzarsi presto, mangiare sano, fare esercizio, socializzare, fumare, bere troppo o la nutellona di mezzanotte, tutto diventa un evento che può essere classificato molto facilmente come positivo (+ xp e gold) o negativo (- health).

Impostando quindi le attività più consone, quello che c'è da fare e come premiarsi (ma senza voler strafare altrimenti si rischia di abbandonare), l'avatar in alto a destra diventera sempre di più una bambolina voodoo di noi stessi, un ritratto di Dorian Gray o un tamagochi di cui prendersi cura, imparando a volersi bene in modo buffo e leggero e, con il tempo, imparando a gestirsi, a completare i propri progetti e in definitiva migliorando la propria vita.

Per chi pensa che, beh, ci vuole altro: no. Non esiste altro. Questo è soltanto un modello, semplice da usare, nel quale confrontarsi con se stessi. E qualsiasi altra cosa si riduce sempre a questo: il confronto con il proprio io. A volte siamo severi, e a volte indulgenti. Il gioco invece se ne frega e tira dritto, così come gli abbiamo detto noi.

Non potrebbe esserci nulla di meglio.

Sotto a chi tocca !

categorie: 

Pepper & Carrot

Pepper & Carrot
Mentre le case editrici tradizionali ancora non si capacitano del tutto degli effetti della rivoluzione digitale, il web continua a sfornare fumettisti sempre più bravi, che grazie ad un saggio uso dei social networks trovano quasi immediatamente un riflettore pronto ad illuminarli ed una fan base.

Questo modello (business model) viene esposto perfettamente dalla nuova serie multi lingua di David Revoy: Pepper & Carrot, supportata interamente dai lettori di tutto il mondo via patreon. In questo momento l'autore incassa circa 1300$ per ciascun episodio, ma la lista dei suoi goal è lunga e ambiziosa.

La storia racconta le avventure di una giovane strega (Pepper) e del suo fido gatto (Carrot). I supporter che spendano più di 3$ avranno in cambio file di krita, brush, mini how-to, video.

Il tutto sotto licenza free, quindi chiunque è libero di usare i personaggi per modifiche, fan work, videogame ecc.

sources
blog
youtube
tutorial
facebook
twitter


categorie: 

Pixar in a Box

Pixar in a Box
Khan Academy ha varato una serie di corsi gratuiti per imparare le tecniche di grafica 3D usate alla Pixar.

Si parla di tutorial per principianti, modellazione di ambienti, character modeling, animazione, set e stage e ovviamente rendering.

Ed è un progetto ufficiale realizzato in collaborazione con Pixar e sponsorizzato da Disney.

Modeling grass with parabolas
Building crowds
Introduction to animation curves


categorie: 

Akino Kondoh

Akino Kondoh
Akino Kondoh è nata a Chiba, in Giappone, nel 1980.

Si è laureata presso la Tama Art University con il diploma in Graphic Design nel 2003. Il suo lavoro spazia tra vari media come animazione, manga, disegno e pittura, ed è stato esposto a livello internazionale.

Le sue opere sono particolarmente significative per la loro dimensione intrinsecamente legata al mondo femminile.

twitter
facebook
ブログ
webcomics
youtube


categorie: 

Modulations

Modulations EDM documentary
"Modulations: Cinema for the Ear" (1998) è un ambizioso documentario di Iara Lee che ha l'obiettivo di raccontare la musica elettronica in modo completo e fin dalle origini.

C'è molta enfasi sulla house e la techno del periodo, ma la storia c'è tutta, si parte dagli esperimenti sonori dei pionieri e si arriva fino alla jungle.


categorie: 

Pac Man 256

Pac Man 256
Hipster Whale, che aveva sviluppato Crossy Road (un fantastico remake di frogger per mobile), ha avuto, direttamente da Namco, la licenza per dedicarsi alla palla gialla più famosa di tutti i tempi, il personaggio icona dei videogame: Pac Man.

Il risultato: Pac Man 256, con il titolo che fa riferimento al glitch dell'ultimo livello, che riempiva gran parte dello schermo con caratteri colorati a caso estratti dalla memoria.

Un eccellente approccio di game design che dimostra come quello che ha fatto Nintendo con Mario sia possibile con tutti i grandi arcade del passato, ognuno di essi una vena inesplorata in una miniera dal potenziale esplosivo.

Hipster Whale on distractions, appealing to fans, and more

[via]

categorie: 

Drew Struzan

Drew Struzan
Tutti (proprio tutti) i poster dei film più iconici e leggendari sono stati realizzati da Drew Struzan.

Da "Blade Runner" ai "Goonies", da "Harry Potter" a "Hellboy", da "Ritorno al Futuro" a "Star Wars".

E proprio per il nuovo episodio l'artista artista americano, nato in Oregon, è stato arruolato da J.J.Abrams per continuare la serie iniziata nel lontano 1977.

imdb
youtube
la creazione del poster di Hellboy
facebook
pinterest

[via]

categorie: 

L'arte di saper star da soli (e inventare)

Eugene Delacroix
"Non si è mai sufficientemente soli quando si scrive" diceva Susan Sontag e Tarkovsky ammoniva che "le persone che in compagnia di loro stessi si annoiano sono in pericolo".

Abbiamo iniziato a temere la solitudine a tal punto da avere disimparato l'arte di star soli. Qualcosa di indispensabile per il attività creative e contemplative.

Maria Popova di Brain Pickings raccoglie nel suo articolo le molte voci che ci hanno lasciato qualcosa per affrontare il problema di mantenersi in equilibrio tra socialità e solitudine.

Un dilemma divenuto ancora più intrigante nell'era dei social network, sui quali si socializza da soli.

[via]

categorie: 

Pages