A walk on the wild side... of the moon*

categorie


Saranno i capelli sparati, sempre quelli da almeno trent'anni. Sarà il cognome in comune con Neo di Matrix. Saranno canzoni come "Oh Superman" o "Language is a Virus". Sarà che è stata la prima "artista residente" alla NASA per due anni. Sarà che non c'è un nome per molte delle cose che fa sul palcoscenico, ma Laurie Anderson è un'Artista decisamente fuori dal comune.

Il suo spettacolo: "The end of the Moon" è arrivato nella piazza forse più bella di Bologna. Storie e canzoni intime espresse con violino e tecnologia ispirate al primo lavoro di una futura trilogia: "Happiness" (2002), nel quale la cantante racconta le sue esperienze come inserviente in un McDonalds di New York o in una fattoria Amish.

foto &copy by booker.de

* un bravo a chi coglie il gioco di parole del titolo

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.