I 7 peccati capitali delle previsioni sull'intelligenza artificiale

categorie

7 deadly sins ai predictions
Technology Review avvia una riflessione in decisa controtendenza su come siamo circondati da quella che è quasi un'isteria collettiva sul futuro dell'intelligenza artificiale e della robotica, su quanto diventeranno potenti, quanto in fretta, e quali lavori sottrarranno all'umanità.

Ma queste affermazioni sono spesso ridicole. Per esempio, sembra che passeremo da un milione di manutentori negli Stati Uniti a soli 50.000 in 10 o 20 anni, perché i robot se ne occuperanno. Ma quanti robot sono attualmente operativi in questi posti di lavoro? Zero. Quante dimostrazioni realistiche ci sono state di robot che lavorano in questi ruoli? Zero. E storie simili si applicano a tutte le altre categorie in cui si suggerisce di vedere la fine di più del 90 per cento dei lavori che attualmente richiedono una presenza fisica in un determinato sito.


Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.