O'Reilly e il multimedia

categorie

I sogni spesso sono immersi in un profondo silenzio, ma a volte sono arricchiti da voci o addirittura musica. Con il prodigioso aumento di potenza dei pc è nata una classe di strumenti musicali "virtuali" (virtual instruments) che fanno da base a molti se non quasi tutti i pezzi che si ascoltano alla radio o in discoteca.

Ma non è tutto, il bello è che si è consolidato uno standard attorno al VST (Virtual Studio Technology) di Steinberg, e ora nell'universo delle vibrazioni elettroniche questi plugin permettono di avere a disposizione migliaia di effetti ed é addirittura possibile emulare i sintetizzatori storici come quelli della KORG (che sono comparsi in centinaia di videoclip).

Da non perdere allora la serie di articoli che O'Reilly dedica a SynthEdit, un punto di accesso provilegiato che dipana la nebbia che avvolge l'astruso sottolessico dei musicisti elettronici, pieno di parole come Angelina, Crystal, Ticky Clav, Endorphin, Tapeworm...




Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.