40 ore di fuoco

categorie

Jay Barnson ha scritto un resoconto di una settimana di lavoro dedicata allo sviluppo completo di un gioco. 40 ore passano molto in fretta e Jay ha affrontato in modo "realistico" i tagli e i compromessi successivi alla 25esima ora, per capire l'impatto sul prodotto finale. Qualunque programmatore tende a sottostimare il tempo che impiegherà a svolgere un compito e questo si riflette sempre con ritardi nelle uscite o giochi che stanno in piedi solo ben puntellati.

L'articolo affronta tutto l'iter, dagli strumenti utilizzati alle scelte compiute all'implementazione. E trae interessanti conclusioni finali su quello che si impara a mettersi dei limiti. Pare infatti che, quando in modalità "crisi", Jay abbia reso al massimo.

Un'altra cosa molto importante è rendere giocabile il prodotto il prima possibile, per capire dove andare a mettere mano per migliorare il tutto.

Il passo da qui ai templi della programmazione indipendente è molto breve, quindi vanno assolutamente citati: garagegames, gametunnel, diygames, indiegamer, bytten.

hacknslash by Jay Barnson

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.