Hideo Nakata

categorie

Hideo Nakata e' cresciuto nella provincia giapponese. D'estate vicino alla casa dove passava la villeggiatura c'era un sinistro pozzo. Si diceva che fosse profondissimo e aleggiavano tante storie paurose (un comune passatempo nella stagione calda). I fantasmi asiatici, al riparo dalle penalita' karmiche delle credenze buddiste, si rivelano particolarmente rancorosi (Ju On) e vendicativi (Ringu).

Anni dopo il regista, con quest'ultimo film, ha "sdoganato" in occidente l'horror nipponico, fatto di atmosfere snervanti, silenzi e spesso nemmeno una goccia di sangue. Ha diretto sia il sequel giapponese che il sequel americano e ne ha tratto due film completamente diversi. Ma dopo la distruzione della videocassetta maledetta Nakata trova poco stimolante un ritorno di Sadako su DVD. Si e' dedicato invece a "L change the world", presentato a Udine al Far East Film Festival, e spin off della serie di film di "Death Note", tratti dal manga omonimo di Tsugumi Ohba.

Per approfondire la conoscenza di alcuni miti e retroscena dell'immaginario culturale e come questi si leghino ai concetti del buddismo e dello shintoismo c'e' una "Guida per capire gli horror giapponesi".

Sadako (da Ringu)

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.