La fine del pensiero critico

categorie

critical thinking
"Siamo ancora capaci di pensiero critico ?" è un articolo che affronta il grave problema della disinformazione nella information age.

I social media sono progettati per reazioni spontanee e immediate. Le notizie spesso più altisonanti sono oggetto di condivisione virali, indipendentemente dal fatto che siano vere o meno. La capacità di discriminazione tra vero e falso è in drastica diminuzione, anche grazie alle "illusioni" dell'apprendimento: le distorsioni cognitive.

Inoltre il cervello è un potente pattern detector, in grado di scovare o addirittura inventare correlazioni dove non ce ne sono (da cui nascono superstizioni, convinzioni ecc.).

Ambasciatori dei brand, pubblicità, limiti cognitivi e di memoria, sovrainformazione, mix di notizie vere e false sugli stessi media: un cocktail esplosivo.

list of cognitive biases

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.