L'Internet del Rumore

categorie

L'Internet del Rumore
Alan Franzoni ci ricorda che siamo sempre più bombardati da mail, notifiche, messaggini, post, chat. Il rapido caos del mondo, amplificato a dismisura dagli eccessi del marketing, è entrato a piè pari dentro ai nostri dispositivi, causando non pochi problemi.

Il "web" fino ad oltre metà degli anni 2000 era come andare a fare un bel giro in bici. Ora invece si ha la percezione di una macchina lanciata oltre i 200 kmh. Una volta le notifiche avevano un loro ritmo ed un loro spazio, e le interfacce erano coerenti e non interrotte da messaggi pubblicitari, si facevano discorsi su "argomenti" e non su "persone" (che blaterano di tutto quello che passa loro per la testa). I feed sono stati ammazzati perchè sottraevano risorse ai siti e alle app, che vogliono il controllo totale dello spaziotempo che gli dedichiamo.

Tutto questo crea il desiderio e la necessità di un nuovo spazio più tranquillo e ordinato, che prima o poi qualcuno riuscirà a creare.

Stopping The Internet Of Noise - A Useful Internet Back Again


Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.