Recettear

categorie

Recettear
Sembrava uno scherzo. Dopo anni passati a entrare e uscire dai negozi degli RPG, situati nei posti più impensabili e gestiti da figure spesso anche sinistre, esce un gioco che ribalta completamente la prospettiva e mette nei panni del vendor, figura automatica per antonomasia.

Sembrerebbe una rottura di scatole, ma invece no. Intanto c'è il mutuo da pagare e la povera Recette (gran dormigliona) viene buttata giù dal letto ogni mattina dalla fatina Tear, impiegata presso l'agenzia che deve riscuotere la rata. C'è da far quadrare i conti, non spaventare i clienti, procurarsi merce anche a costo di inoltrarsi nei dungeon. Tenere aperto un negozio è tutt'altro che una routine.

Di questi tempi è raro assistere alla nascita di un nuovo genere. Forse per Recettear questa definizione non è del tutto lecita, ma la profondità del titolo, che non traspare affatto dalla divertente grafica manga e dall'idea generale, è sorprendente.

[via]

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.