Shakespeare at the British Library

categorie

La British Library contiene incredibili tesori della cultura dei secoli scorsi, che hanno permesso la scrittura di libri molto interessanti come quelli citati nel precedente post.

Un nuovo servizio estremamente interessante è la digitalizzazione di alcuni dei tomi originali più antichi. Ovviamente hanno cominciato dal Grande Bardo, del quale è possibile osservare direttamente molti dei capolavori: "Amleto", "Romeo e Giulietta", "Othello", "Sogno di una notte di mezza estate", "Molto rumore per nulla", "Re Lear" e tanti altri.

E' possibile anche paragonare le diverse edizioni, la trascrizione infatti era quasi secondaria alla messa in scena e le opere sono state spesso rimaneggiate nei secoli.

Buona lettura

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.