L'ascesa dei Guoman: The Guardian (2017)

categorie



Il pubblico cinese paga anche centinaia di milioni di dollari per vedere i propri film d'animazione, i cosiddetti "guoman", ma molti critici non sono soddisfatti. Il desiderio del pubblico cinese è di avere una forma d'arte in grado di competere con il meglio di Pixar e Studio Ghibli, sia in termini artistici che di popolarità ma realizzata con uno "spirito cinese".

È un'asticella molto alta. Anche successi come Jiang Ziya (2020) possono essere criticati in Cina, e in modo brutale. Le recensioni disdegnano le sceneggiature e le storie e liquidano come flop anche i film che hanno ottenuto buoni risultati al botteghino. Quando si tratta di animazione, la Cina è molto critica con sé stessa.

Ma nel 2017 finalmente arriva "The Guardian" (Dahufa), tormentata opera del regista Busifan. E' un'opera violenta. Così violenta che la sua apparizione nelle sale cinesi è stata definita "un miracolo". In qualche modo, è riuscito a superare la censura. "The Guardian" è anche bello. È un film d'azione ben girato e ben costruito, con una padronanza esperta del linguaggio cinematografico - messa in scena, ritmo, blocco, montaggio, design dei colori e altro ancora.

What makes 'The Guardian' (Dahufa) so great.


Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.