Il cuore delle parole

categorie


Nymphs Finding the Head of Orpheus John William Waterhouse<br />
Il professor Nicola Gardini, insegnante di letteratura italiana ad Oxford e scrittore, spiega nella sua lectio magistralis che terrà il 23 giugno al festival della poesia di Parma il valore delle parole che ci giungono da lontano, attraverso mille pericoli e "quella violenza irrazionale, ma spesso intenzionale" che ha disperso i quattro quinti della letteratura antica. Una mole di conoscenza immane che se fosse tra noi oggi avrebbe plasmato il mondo in modo assai diverso. Un'arte che è la più ingenua, nei mezzi, e la più mefistofelica, nel significato: la poesia. La cura più potente per la malattia di questo nostro tempo.

Aprendo una qualunque edizione moderna di Virgilio o Orazio, non apriamo semplicemente un libro: noi apriamo le braccia ad un sopravvissuto [...] e compiamo il gesto più civile che si possa compiere [...] diamo ospitalità ad uno straniero (lontano nel tempo invece che nello spazio) [...] anche solo un verso di Omero è un miracolo della fortuna [...] Accogliendo l'antico, faremo simbolicamente resistenza a qualunque sopruso (questo abbia subito).

Non solo lo straniero è soccorso e salvato e, dunque, molto probabilmente ci resterà amico, ma noi, con lui, diventiamo nuovi. Attraverso lo straniero, nella nostra stessa casa, entriamo in contatto con un mondo che non conoscevamo. E la scoperta di una realtà diversa, oltre a produrre piacere di per sé, ci rende forti. Chi conosce - diceva Lucrezio - non ha paura.

La parola dei poeti antichi, nella sua totale diversità, non è necessaria: noi non la aspettavamo [...] come la soluzione a un enigma di cui non si sapeva l'esistenza. [...] la nostra mente ricomincia a pensare, a immaginare e si impegna a capire [...] ogni vocabolo acquista un'importanza primigenia.

image source: Nymphs Finding the Head of Orpheus by John William Waterhouse

con il pasaggio a Drupal è sparita l'icona della nuvoletta come favicon.

Tornerà?

Ciao e complimenti, come al solito, per il sito

Alberto

PS: Molto meglio i menu in azzurro. Evviva il blu!

Tue, 16/06/2009 - 20:00
Anonymous (not verified)

A dire la verità la favicon è già tra noi, solo che se hai acceduto al sito nella "fase di transizione" il tuo browser ha messo in cache la goccia, ma una nuvola è sempre e comunque anche un insieme di gocce ;-)

Questa è la mia ipotesi, se aspetti la cosa dovrebbe risolversi da sola entro qualche giorno.

Wed, 17/06/2009 - 10:07
masayume

In reply to by Anonymous (not verified)

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.