Influenza

categorie

influence

Ian Leslie, in un mondo fatto di meme e costante pressione sulla corteccia dei social media, ci racconta come "essere influenzati".

Prestare attenzione alle proprie influenze
Essere più consapevoli di ciò che vi influenza e come. Riconoscere quanto di ciò che si pensa, si sente e si fa viene raccolto dagli altri, consciamente e inconsciamente, e cercare di diventare più consapevoli. Gli artisti prestano attenzione a questo aspetto perché amano le loro influenze, ma allo stesso tempo riconoscono la necessità di separarsi da esse.

Riconoscere che siamo fatti di influenze esterne.
Una delle intuizioni di Harold Bloom è che l'originalità non esiste. Ci sono solo poeti che adottano, assimilano e si divertono con altri poeti. Non c'è niente di più ansiogeno dell'ingiunzione di "essere se stessi". Implica che ci sia un "tu" autentico, non contaminato da influenze, che deve essere scoperto o rivelato. Che sia questo il punto da cui derivano molte delle attuali ansie sull'identità? Le persone sentono di dover essere un individuo autentico e questo le porta a dire "io sono X" o "io sono Y", il che significa in realtà adottare un'identità di gruppo. Ma non è necessario pensare in questi termini. Gli artisti in genere non lo fanno, anche se vengono venerati per la loro originalità. Una volta che si riesce a vedere se stessi come un semplice punto di congiunzione di tutta una serie di influenze, dai genitori agli insegnanti, ai feed seguiti, agli articoli e ai libri letti, ci si può rilassare ed essere sè stessi. Ci si può invece concentrare sul rendere il proprio insieme di influenze il più unico, stratificato e ricco possibile. Nessun altro si troverà nel proprio "punto di snodo".

Organizzare le proprie influenze.
Il che porta a questo principio: pensare sempre al proprio portafoglio di influenze e influencer. Al lavoro o a scuola, ci si circonda di persone che tirano fuori il meglio da noi, che ampliano la nostra immaginazione, che approfondiscono la nostra empatia, ecc. (Il vecchio monito dei genitori "stai lontano da lui, ha una cattiva influenza" è saggio, anche se i genitori non sono sempre i migliori giudici di chi è cattivo o buono). I nostri feed mediatici sono progettati per stimolare, sorprendere e nutrire o solo per creare ansia e rafforzare le cattive abitudini?

Interrogarsi sulle influenze
Tutti noi abbiamo influencer e influenze preferite: persone che conosciamo, celebrità, artisti, amici, scrittori e... influencer. Libri, programmi televisivi, film. Il più delle volte siamo felici di accettare che queste siano le persone e le cose che ammiriamo e cerchiamo di emulare. Ma ciò che le carriere artistiche ci mostrano è l'importanza di riflettere su queste influenze, chiedendoci cosa c'è di buono e di cattivo in loro, e come potremmo desiderare di essere diversi da loro e come vorremmo essere uguali. Come si può prendere ciò che di bello c'è nelle proprie influenze preferite e allo stesso tempo andare oltre?
Impostando filtri più stretti. Una cosa molto interessante è la tensione tra ampiezza e profondità delle influenze. Ad esempio sul modo in cui i compositori precedenti al XX secolo hanno assorbito le influenze. Schubert è stato profondamente influenzato dalle sinfonie di Beethoven, ma quante volte ha sentito un'orchestra suonarne una? Una o due volte? Schubert non poteva richiamare tutta la musica del mondo e ascoltarla come possiamo fare noi. I giovani Lennon e McCartney svilupparono una memoria incredibile per le canzoni, in parte perché a casa avevano una collezione limitata di dischi. Ascoltavano molte canzoni solo una o due volte alla radio o a casa di amici, prima di assimilarle. Oggi i compositori hanno a disposizione una vasta e apparentemente infinita biblioteca di musica disponibile all'istante. In teoria questo dovrebbe renderli migliori, ma ovviamente la maggior parte di loro ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere Schubert e i Beatles. Quindi forse c'è un vantaggio nel restringere e limitare le proprie influenze, oltre che nell'ampliarle.

image credit: Tanmay Vora

Add new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.

Full HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

Filtered HTML

  • Web page addresses and email addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type='1 A I'> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id='jump-*'> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.