style

stilish content, great for inspiration

The Backrooms



The Backrooms è un corto horror sul calco del "nastro VHS ritrovato" ( Blair Witch , 1999) ambientato in un labirintico edificio tuttto fatto di stanze dietro le quinte.

Molto originale e minimalista, riecheggia anche un interessante retrogusto di videogame.

Sul canale Kane Pixels molto altro materiale.

instagram
soundcloud

Valentina Tanni: Viaggio nel rovescio del mondo in modalita noclip

Liminal Spaces - twitter

[via]

Don Ivan Punchatz

categorie

Don Ivan Punchatz

Don Ivan Punchatz (1936 - 2009) è stato un illustratore fantasy dallo stile decisamente "pop" che ha lavorato, tra gi altri, per Heavy Metal, National Geographic, Playboy e Time.

Le sue opere sono state spesso caratterizzate da una allure di iperrealismo con una dose di fantastico e grottesco. E' stato definito anche come "elegante e strano".

Spectrum Fantastic Art

Bing image search

Comic Art Fans

Image: "Sci-Fi Mountain Climber"

Don Ivan Punchatz The Art

Alireza Karimi Moghaddam

categorie

Alireza Karimi Moghaddam

Per me Van Gogh non è solo un pittore o un grande artista, ma uno stile di vita; non è un modello frustrato ed afflitto, ma un simbolo di amore, umanità ed altruismo.

- Alireza Karimi Moghaddam

Alireza Karimi Moghaddam riesce in un'acrobazia sorprendente, fa leva sull'arte di Vincent Van Gogh per realizzare delle "cartoline" sulla vita immaginaria del pittore, e lo fa ribaltando completamente quell'aura triste, angosciante e intrisa di follia che aleggia sulla biografia dell'artista fiammingo. Le vignette di A.K.M. usano lo stile unico proprio del maestro per restituire tutti significati positivi che ci ispira l'ammirazione delle sue tele.

Un esempio eclatante di come ritrovare un livello di verità nascosto attraverso un'invenzione. Quasi un fumetto. Quasi una biografia parallela. Quasi la verità.

sito ufficiale

[via]

Masashi Shimakawa - Lo Straordinario nell'Ordinario

Masashi Shimakawa

Le scene che l'illustratore digitale Masashi Shimakawa (シマカワマサシ) decide di memorizzare non sono in alcun modo speciali. Ritraggono momenti ordinari in strade ordinarie del Giappone: una persona che aspetta che cambi la luce, una fila di distributori automatici o un ristorante al crepuscolo che brilla dall'interno.

Ma trovare la bellezza nell'usuale, nel banale, è qualcosa in cui l'artista eccelle. Shimakawa è nato a Hyogo e risiede a Kyoto, quindi si può supporre che la maggior parte delle scene che illustra siano da qualche parte nel Kansai. Gli spettatori possono cogliere cenni specifici ad una certa stazione ferroviaria o il nome di un ristorante, ma per la maggior parte dei luoghi rimangono sconosciuti.

Indipendentemente da ciò, Shimakawa tratta ogni scena con una bella tavolozza di colori e una ricca texture che invita chi osserva a cogliere ogni singolo dettaglio.

instagram
pinterest
behance
twitter

[via]